Giugliano, prima isola pedonale

GIUGLIANO – Da domani il centro storico di Giugliano resterà chiuso al traffico ogni domenica mattina. Con il provvedimento del commissario prefettizio, Bruno Pezzuto, parte la prima sperimentazione a lungo termine di un’isola pedonale tra piazza Gramsci e via Roma.
Negli anni passati ci avevano già provato, a turno, le vecchie amministrazioni, sia di centrosinistra che di centrodestra, ma a Giugliano le domeniche a piedi non erano mai diventate una tradizione consolidata. Il fallimento era stato attribuito alla carenza di personale a disposizione del comando di polizia municipale, ma anche al braccio di ferro con i commercianti con i quali gli amministratori l’avevano spuntata con fatica solo nei giorni di festa. Era diventata consuetudine solo la chiusura di un tratto di corso Campano, ma poi col tempo anche quest’iniziativa era andata persa. Dopodiché solo sporadici provvedimenti.
Da domani, invece, la città dovrebbe ritagliarsi uno spazio duraturo nel tempo per il passeggio e i giochi dei più piccoli. Con importanti ritorni positivi in termini di salubrità dell’aria, assediata da smog e rumori da traffico.
«Finalmente un segnale positivo da una città – dice Raffaele Del Giudice, responsabile di Legambiente – che attende di recuperare il proprio territorio e restituirlo ai residenti: vivibile e senza inquinamento».
La chiusura domenicale non dispiace, adesso, nemmeno ai commercianti, i quali in passato davanti alla chiusura di via Roma per alcuni giorni, in seguito al crollo di un palazzo, avevano lungamente protestato e frenato le aree pedonali nel centro storico. Nessun veto alle domeniche a piedi che partono domani.
«Ben vengano le iniziative che possano favorire il commercio – dice Salvatore Palma, dell’Ascom -. La sperimentazione mattutina non ci dispiace».
L’appuntamento di domani è un importante test anche per i vigili che si troveranno a regolare il traffico, anche al seguito delle processioni religiose della Domenica delle Palme. Intanto la sperimentazione riguarda piazza Gramsci, dall’angolo di via Labriola a via Gigante, e via Roma. Si lasciano auto e moto in garage dalle 9.10 alle 13.30. In vigore anche dei nuovi dispositivi per la sosta. Domani non bisogna esporre il «grattino», ma non si potrà parcheggiare su via Palumbo, dal tratto compreso dal civico n. 2 al civico n. 20.
Il divieto servirà a fare spazio allo stazionamento degli autobus, anch’essi interdetti al passaggio. Non si parcheggia nemmeno per tutto il tratto di via Labriola e negli spazi antistanti l’ufficio postale. Per tenere a bada scooteristi e automobilisti indisciplinati, dicono dal comando, ci saranno in strada undici agenti. I quali si muoveranno anche al seguito della processione della Chiesa di «Sant’Anna», attraverso via Cumana, e del trasferimento del simulacro della Madonna della Pace, dalla chiesa di «Santa Sofia» al Santuario di piazza Annunziata.






E a Villaricca maratona per i più piccoli




Una domenica nel segno dell’ecologia e del divertimento domani a Villaricca. L’area di via Napoli sarà chiusa al traffico di auto e moto, per fare largo ai pedoni e soprattutto ai bambimi.
«Cento città per giocare», questo il nome dell’iniziativa promossa dal Comune guidato da Raffaele Topo, in collaborazione con l’Associazione locale Laganas. Appuntamento alle 9 in via Napoli, per prendere parte alla «maratona» di cui i protagonisti saranno proprio i più piccini. Un mare di adesioni, quelle già registrate dalla segreteria dell’Associazione socio-culturale di Corso Italia.
«Sono tanti i ragazzini delle elementari e medie che parteciperanno alla corsa – spiega Mario Molino – vice presidente del gruppo». Il carnet della giornata è ricco di sorprese. Spettacoli e giochi si alterneranno incalzanti. E poi acrobati, clown e artisti di strada. E piste da ballo improvvisate. Durante la manifestazione saranno distribuiti gadgets e palloncini colorati. Il vincitore della gara podistica sarà premiato con un trofeo appositamente scelto per l’occasione.





TONIA LIMATOLA – Il Mattino 12 aprile 2003