NAPOLI: «TERRA D’ASILO». IL COMUNE PROMUOVE LA GIORNATA DEL RIFUGIATO

Evento, quello della giornata del rifugiato, promosso dall’Onu nel 2000. L’Organizzazione Nazioni Unite ha adottato una Risoluzione che designa il 20 giugno di ogni anno come Giornata Mondiale del Rifugiato, allo scopo di tenere viva l’attenzione sul tema della migrazione umanitaria che coinvolge ogni anno milioni di essere umani. L’assessorato alle politiche sociali del comune di Napoli ha, così, promosso l’importante evento per i giorni del 19 e 20 giugno.
La due giorni sull’immigrazione si aprirà con un dibattito fondamentale per la tematica in questione: “I rifugiati nella Campania e a Napoli nel contesto nazionale”. Stasera, in Piazza Dante, l’Onlus CIR propone il concerto “Il verbo degli invisibili”.
Stessa suddivisione per la giornata di domani. La giornata del rifugiato si chiuderà alla Galleria Toledo. A partire dal film di Bentivenga- “World Napoli” – si cercherà di rendere diversamente nota la tematica chiave della due giorni: la vita dei rifugiati e, in generale, le “questioni d’asilo”. La due giorni si chiuderà con il concerto di Gian Maria Testa il cui ultimo album, “Da questa parte del mare”, ha come tema portante proprio quello delle migrazioni moderne. Il concerto sarà intervallato, pertanto, dalla lettura di alcune testimonianze di vita raccolte tra i rifugiati dal progetto I.A.R.A., in Napoli. Nel corso della serata di chiusura interverranno lo stesso assessore alle politiche sociali di Napoli, Giulio Riccio ed Isadora D’Aimmo, assessore all’immigrazione della provincia di Napoli.