Il ferimento la scorsa notte di Giuseppe Righetto, ras conosciuto negli ambienti di mala con il soprannome di ‘o blob potrebbe essere il preludio di nuovi contrasti tra i Casella, cui Righetto appartiene, e gli eredi dei De Martino a loro volta ‘costola’ dei De Micco. Si tratta del gruppo identificato con la sigla ‘XX’ già finito sotto la lente degli investigatori nei mesi scorsi. Si tratta di un’ipotesi certo ma che fa innalzare lo stato di guardia a Ponticelli e dintorni. Le indagini sono affidate alla squadra giudiziaria del commissariato Ponticelli giunta a Villa Betania subito dopo il raid. Righetto ha parlato di un tentativo di rapina, versione che non convince la polizia. Tanti, troppi gli episodi di violenza avvenuti nell’ultimo anno tra opposte fazioni.

Una guerra scoppiata nell’autunno scorso e che ha portato già a tre fatti di sangue. Ben prima infatti del ferimento di Righetto vi era stato il ferimento di Rodolfo Cardone di 23 anni ritenuto vicino agli eredi dei De Micco guidati dal ras Antonio De Martino. La risposta non si era fatta attendere con il ferimento di Luigi Aulisio, cognato degli stessi Casella fino al ferimento di Rosario Rolletta che dopo il raid ai suoi danni ha poi deciso di iniziare a collaborare con la giustizia.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.