Con l’arresto di Amodio Ferriero e Filippo Ronga, la camorra di Sant’Antimo è senza guida. Erano ricercati entrambi ed i carabinieri, dopo accurate indagini, sono riusciti a stanarli. Il primo è stato Ronga, arrestato dai carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Giugliano mentre si trovava a Formia. Nacque una colluttazione che finì con l’arresto del ras latitante. Pochi giorni fa è stata la volta di Ferriero. Quest’ultimo era  ricercato da due mesi, su di lui pendeva un mandato di cattura per concorso nell’omicidio di Francesco Verde, detto “’o negus” reggente dell’omonimo clan. La latitanza di Amodio Ferriero è finita a Caserta, in pieno centro cittadino.

IL BLITZ

Risiedeva in una mansarda, al sesto piano in un parco residenziale a forma di ferro di cavallo. E per evitare di sovraesporsi si serviva del supermercato che aveva sotto casa. E proprio lì è stato rintracciato dai carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna che hanno messo fine alla sua latitanza. In seguito alla perquisizione effettuata nel suo appartamento so-no stati rinvenuti 4.900 euro in contante, una carta d’identità in bianco e 3 documenti (carta d’identità, patente e tessera sanitaria) riportanti le stesse generalità false ma la sua foto, infine 5 telefoni cellulari. Dopo le formalità Ferriero è stato tradotto al centro penitenziario di Secondigliano.
 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.