“Oggi 3186 positivi in Campania”, De Luca anticipa il bollettino

contagi De luca bollettino covid campania
Covid, il bollettino di oggi della Regione Campania. Nella foto il presidente De Luca

Oggi pomeriggio Vincenzo De Luca è tornato a fare il punto fornendo numeri e aggiornamenti sulla situazione complessiva di questa seconda ondata dell’epidemia. Il Presidente della Campania ha anticipato i numeri del bollettino giornaliero, solitamente diffuso dall’Unità di Crisi. “Siamo in una situazione grave, che merita spirito unitario e senso di responsabilità. Governo forte ritardo sulle decisione, o condotte sul mezzo-mezzo- Sottovalutazione grave dell’epidemia, sta facendo accumulare migliaia di contagi che sta portando al collasso del sistema ospedaliero. Ci sono dati di contagi drammatici. I bambini più piccoli vettori di contagi nelle famiglie, nella fascia da 0 a 5 anni. Inoltre manca un piano socio-economico di medio respiro, avremo problemi per i prossimi 6 mesi: diamo aiuto alle categorie economiche. La situazione si è aggravata anche per i ritardi del Governo. Oggi registriamo 3186 positivi su 18mila tamponi. Noi abbiamo 250 posti disponibili in terapia intensiva“, conclude il Governatore.

DE MAGISTRIS VUOLE UN INCONTRO CON DE LUCA

Stamattina il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha inviato stamani una lettera al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Alla luce della drammatica situazione sanitaria, economica e sociale il primo cittadino ha chiesto un urgentissimo incontro al vertice dell’ Ente di Santa Lucia.

Il Governatore proroga la zona rossa ad Arzano: l’elenco delle attività escluse dalla chiusura

Per il COMUNE DI ARZANO: con decorrenza dalla data del presente provvedimento e fino al 4 novembre 2020, con riferimento al centro urbano di Arzano (NA), sono confermate le seguenti misure. Divieto di allontanamento dal territorio comunale da parte di tutte le persone ivi residenti. Poi divieto di accesso nel territorio comunale. Sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi  essenziali e di pubblica utilità. 

Prevista la sospensione delle attività commerciali, ivi comprese le attività di ristorazione (bar, ristoranti, pasticcerie, pub, e simili), salvo che in modalità di consegna a domicilio, fatta eccezione per soli i servizi alla persona ed attività connesse all’approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità come a suo tempo individuate dagli allegati 1 e 2 del  DPCM 10 aprile 2020.

SOSPESE LE ATTIVITA’ COMMERCIALI AL DETTAGIO

Sono pertanto sospese ad Arzano le attività commerciali al dettaglio. Fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Sono esclusi dai divieti i servizi bancari, assicurativi, finanziari. Nonché le attività finalizzate ad assicurare la continuità della filiera produttiva e le attività delle libere professioni.

Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati. È fatto divieto di allontanamento dalle proprie abitazioni se non per esigenze di approvvigionamento di beni e servizi di prima necessità, come sopra individuati, per motivi di salute nonché per   lo svolgimento delle attività – anche lavorative – non sospese, per il cui espletamento è consentito  l’allontanamento dal territorio comunale, nei limiti strettamente necessari;

E’ fatta salva la possibilità di transito in ingresso ed in uscita dal  centro urbano per comprovati  motivi di salute o di necessità urgenti ed indifferibili. E’ in ogni caso consentito il transito  da parte degli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell’assistenza alle attività relative all’emergenza, nonché degli esercenti le attività consentite ai sensi della lettera d) del precedente punto 1.4, e quelle strettamente strumentali alle stesse, limitatamente alle presenze che risultino strettamente indispensabili allo svolgimento di dette attività e a quelle di pulizia e sanificazione dei relativi locali e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale.