Bimbi positivi al Covid a Castellamare, il sindaco: «Hanno 1 e 4 anni»

Due bimbi positivi al Covid a Castellamare di Stabia [Foto d'archivio]
Due bimbi positivi al Covid a Castellamare di Stabia [Foto d'archivio]

Cresce l’allarme Covid a Castellammare di Stabia, dove sono risultati positivi due bambini, uno di loro in età da scuola materna. A riportare la notizia è Il Mattino. A comunicarlo è stato l’Asl Napoli 3 Sud e poi il sindaco Gaetano Cimmino. «L’Asl ci ha comunicato oggi una preoccupante evoluzione dei contagi, un cambio di passo del virus nella nostra città. Altri 11 cittadini di Castellammare di Stabia sono risultati positivi al Covid-19. Tra questi ci sono anche un bambino di un anno e una bambina di 4».

Il primo cittadino poi continua: «Siamo davanti ad una situazione complessa e impegnativa, rispetto alla quale sono in corso accertamenti per ricostruire la rete dei contatti e per comprendere le ragioni di questa improvvisa impennata dei contagi. Gli altri contagiati sono un 37enne, un 59enne, una 24enne, una 83enne, una 45enne, una 48enne, una 28enne, un 65enne, un 28enne, molti dei quali associati ad uno stesso nucleo familiare».

Le altre notizie sul Covid a Napoli | Napoli, cinque vigili urbani risultati positivi al Coronavirus

Cinque positivi al Coronavirus tra i vigili urbani di Napoli. Si tratta di agenti in servizio presso l’Unità Operativa San Lorenzo. Questi ultimi si sono sottoposti al tampone nella giornata di ieri insieme ad altri 12 caschi bianchi (invece negativi). La conferma della positività, nella serata di sabato.

Le segreterie delle sigle sindacali Uil Poteri Locali, a nome dei delegati Annibale De Bisogno e Giuseppe Migliaccio, e del Coordinamento Sindacato Autonomo (Csa) a nome di Franco De Pinto e Roberto Stella in una missiva inviata al prefetto di Napoli Marco Valentini, al sindaco Luigi de Magistris, al direttore generale del Comune di Napoli Patrizia Mangoni e al capo di Gabinetto Ernesto Pollice dopo aver diffuso la notizia dell’infezione da Covid dei caschi bianchi chiedono un “rafforzamento dello smart working’’ con “le misure di prevenzione’’ da rendere “concrete’’ per “la tutela del personale e dei cittadini’’. Questo perché, sottolineano la Uil Fpl e Csa i 5 positivi avrebbero “in questi giorni lavorato e avuto contatti nel Corpo e nell’ambito della struttura dell’Ente’’ comunale’’.

Il plauso dei sindacati alla Municipale: il caso dei 15 vigili che hanno rifiutato il tampone

I sindacati rivolgendo “un plauso al Comando di Polizia municipale per aver ottenuto la disponibilità dell’Asl. E poi a sottoporre molti agenti al tampone e di aver ottenuto un veloce riscontro’’. Ma, aggiungono è “incomprensibile che ben 15 lavoratori non abbiano voluto sottoporsi al tampone’’ chiedendo che, dopo la positività dei 5 vigili urbani’’ l’Unità Operativa di San Lorenzo sia “chiusa, bonificata, tutto il personale sottoposto a tampone e sino all’esito dello stesso lasciato in isolamento al proprio domicilio”.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.