Dal 3 giugno riprendono i voli, come partire per le vacanze sicuri anche in auto

vacanze 2020 estate bonus spostamenti

Dal 3 giugno riprendono i voli ma sarà necessario partire le vacanze in sicurezza tra voli e viaggi in auto. Sono tanti i dubbi che ronzano nella testa degli italiani in vista delle vacanze estive del 2020. Dal 3 giugno saranno possibili gli spostamenti tra Regioni e i viaggi all’estero, così come previsto dal Dpcm del 15 maggio. Le incognite riguardano sopratutto i mezzi di trasporto con i quali recarsi nelle mete turistiche. In treno i viaggiatori avranno posti distanziati mentre in aereo è obbligatorio solo l’uso della mascherina. Il mezzo di trasporto più utilizzato dagli italiani resta l’automobile sopratutto per gli amici, che dovranno rispettare il distanziamento sociale di almeno un metro. Nell’abitacolo sono previsti solo due persone infatti, il passeggero dovrà viaggiare sul sedile posteriore. Nessuna limitazione per le famiglie e per i congiunti che convivono nello nucleo familiare.

BONUS VACANZE NEL DECRETO RILANCIO

Il Governo ha previsto un bonus vacanze nel Decreto Rilancio. Il Ministro Dario Franceschini ha precisato: “Viene riconosciuto un bonus fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in ambito nazionale presso alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed&breakfast. Ci tengo a citare tutto l’elenco perché vale per tante strutture ricettive diverse, non solo alberghi ma anche campeggi. Possono ottenere il contributo i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro, l’importo è modulato a seconda della numerosità del nucleo familiare: 500 euro per nucleo composto da 3 o più soggetti; 300 da 2 soggetti; 150 da 1 soggetto. Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020 e nell’80% come sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura, nel restante 20% come detrazione dall’imposta sul reddito. Questo vuol dire aiutare le famiglie ma anche immettere liquidità nelle strutture ricettive ma indirettamente in tutto il resto perché chi va in albergo, poi andrà al ristorante, in uno stabilimento balneare, in un museo“.