Rivoluzione Giugliano, De Stefano: «Guadagneremo il rispetto sul campo!»

(Uno scatto della conferenza stampa di presentazione di Mister De Stefano - Saverio Nappo)

Più che una conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore è stata una serata storica. Rivoluzionaria, aggiungerei. Il presidente Salvatore Senstile, in poco più di due ore, ha annunciato quella che può essere considerata una vera e propria rivoluzione per il calcio a Giugliano. Nuovi soci, nuovo staff, nuove prospettive, nuove idee. E, ovviamente, nuovo allenatore. Archiviata la salvezza e ringraziato centomilavolte – con tanto di coro della curva LiternumMister Gargiulo per il miracolo fatto, il Presidente non ha perso tempo. Anzi. Le rivoluzioni non cominciano mai per caso e all’improvviso. Vanno programmate, studiate per bene. Ecco che, mentre Mimì Gargiulo salvava la baracca – sul campo -, i telefoni cominciavano a squillare. A chiamare, si capisce, era Sestile. A rispondere, erano gli stessi che ieri sera erano sul palco della biblioteca comunale di Giugliano, avanti a tifosi, appassionati e imprenditori. Su tutti, il Mister, De Stefano.

de stefano-presentazione-giugliano
(Lo staff “investe” De Stefano con una sciarpa gialloblè – Saverio Nappo)

De Stefano non è l’unica novità: è la prima di una interessante serie

Luigi Sestile, Antonio Simeone, Giulio Cacciapuoti, Giovanni Garofalo sono i nuovi nomi del Giugliano del futuro. Rappresentano un organigramma nuovo, proteso verso il futuro. A Giugliano, ad esser pignoli, non si è mai parlato di marketing, di comunicazione, di progetto a lungo termine. Non si è mai guardato al futuro con così tanto interesse come in questo caso. La scelta del Mister, Antonio De Stefano, indica la strada che si vuole imboccare con decisione. «E’ un onore approdare in una piazza così importante. Molti mi hanno detto che sarebbe stata una follia lasciare Casalequi i dati – dopo quanto è stato fatto. Ma non si può rifiutare la chiamata del Giugliano. Su otto campionati disputati ne ho vinti 5, ma non mi ritengo migliore degli altri. Ai miei giocatori non impongo, ma propongo: così si fidano di me. Per me la maglia è più importante del nome dei giocatori ed è per questo che costruiremo una squadra di uomini e non di figurine. Ci guadagneremo il rispetto dei tifosi sul campo, a prescindere dal risultato».

de stefano-albanova-giugliano
Questi sono i numeri dell’Albanova Calcio di Mister De Stefano – Google

La curva ha salutato Mister De Stefano, poi il messaggio al Sindaco Poziello

Alla presentazione del Mister e del nuovo Giugliano non potevano mancare i tifosi più vicini alla squadra. Più di ogni altro, in città. De Stefano li ha impressionati positivamente con le sue parole: «Onoreremo sul campo la memoria di chi non c’è più (in riferimento a Giustino Barretta, nda)». Applausi al Presidente Sestile e ai nuovi membri dello staff societario. Poi, ad introdurre l’intervento del Sindaco Antonio Poziello, una richiesta all’unisono: «Lo stadio per la città!». Che è stata seguita da un’altra richiesta, da parte del Presidente in persona: «Voglio strappare una promessa al Sindaco. Lo stadio De Cristofaro per festeggiare la serie D». Promessa accordata dal Sindaco che rilancia con le cifre. «Spenderemo 1 milione e mezzo, in due tranches, per riqualificare lo stadio. Ma bisognerà tutelarlo dai vandali e dai criminali (in riferimento ai furti della settimana scorsa, nda)». La domanda, a questo punto, è: bisognerà davvero aspettare (minimo) altri due anni per avere uno stadio con sole due tribune? “Lo scopriremo solo vivendo”, cantava Battisti.