Giustizia per Palma Reale: il marito denuncia due ospedali.
Giustizia per Palma Reale: il marito denuncia due ospedali.

“Me l’hanno uccisa due volte: prima all’ospedale di Caserta, dove non hanno voluto ricoverarla. Poi al Policlinico di Napoli, dove sono scomparsi tutti gli oggetti che aveva con sé”. Alfonso Vozza, marito di Palma Reale, morta dopo aver partorito, chiede la verità non solo sul decesso ma anche sulla scomparsa di alcuni oggetti personali che appartenevano alla moglie. Infatti sembra che Palma avesse con se un telefonino, degli orecchini e l’immancabile fede nuziale che alla morte non sono stati consegnati ai familiari.

La questione è stata messa sotto inchiesta dalle forze dell’ordine.

Positività al tampone SARS-CoV-2

La donna originaria di Liberi, in provincia di Caserta, era risultata positiva la tampone  SARS-CoV-2 lo scorso 18 agosto insieme al marito ed ai tre figli.

Al momento della scoperta positività al virus Palma era incinta, all’ottavo mese, del suo quarto figlio. La donna come tutta la famiglia non aveva fatto ancora nessuna dose vaccinale contro il covid.

L’ospedale di Caserta rimanda Palma a casa

Il marito, Alfonso Vozza, ha immediatamente chiamato l’ospedale di Caserta per far ricoverare la moglie. I medici però hanno ritenuto che i sintomi della donna erano lievi. Rimandandola a casa affermando che poteva essere curata nella propria abitazione.

Qualche giorno dopo però Palma è peggiorata e Vozza ha insistito nel chiamare un’ambulanza. Dopo parecchie ore al telefono in attesa,  grazie all’aiuto del sindaco, la giovane è ricoverata al Policlinico Federico II di Napoli.

Arrivo al Policlinico di Napoli in gravi condizioni

La donna era ormai in gravi condizioni, in terapia sub intensiva. In questa delicata circostanza il personale sanitario si è adoperato a far nascere il bambino, prematuramente, che è risultato in ottima salute.

In seguito Palma è stata trasferita in terapia intensiva dove il giorno 11 Settembre si è spenta. Il marito Alfonso Vozza convinto che la morte della moglie si sarebbe potuto evitare se l’ospedale di Caserta l’avesse ricoverata prima, ha deciso di sporgere denuncia.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.