Week end di sangue sulle strade di Caserta, tre morti in tre incidenti tra sabato e domenica

incidenti

È stato un weekend tragico sulle strade di Caserta: tra sabato e domenica, si sono susseguiti numerosi incidenti, tre mortali, che hanno provocato la morte di tre persone e oltre 6 feriti.

La tragica morte di Angelo

Nel primo tragico sinistro ha perso la vita Angelo Santangelo, il 42enne deceduto a seguito del drammatico incidente avvenuto la notte di sabato sulla variante. Mancavano pochi minuti alle ore 2 quando, per cause in corso di accertamento, è avvenuto lo scontro tra le due auto (una Fiat 500 XL rossa e una Clio argento metallizzato). Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 con tre ambulanze e le forze dell’ordine per le indagini e ricostruire l’esatta dinamica del sinistro ed eventuali responsabilità.

Angelo era di Maddaloni, ed è morto poco dopo il trasporto all’ospedale di Caserta. Troppo gravi le lesioni riportate nel drammatico sinistro. Lascia una bimba di 9 anni. Padre di famiglia esemplare, lavoratore e grande appassionato di calcio: collaborava al campo Cappuccini durante le gare della Maddalonese.

Continua la scia di incidenti, Salvatore perde la vita in autostrada

Poi un altro tragico sinistro alle prime luci dell’alba è avvenuto sull’autostrada A1 Milano-Napoli , nel tratto compreso tra Caianello e Capua in direzione Napoli, che è costato la vita ad un autotrasportatoreSalvatore Zito.

Coinvolte una Mercedes classe S, una Renault Captur e un tir. A bordo della Mercedes c’erano sei persone, tre adulti e tre bambini, con la vettura rimasta incastrata nella parte posteriore del mezzo pesante. Per fortuna tutti gli occupanti hanno riportato lievi ferite. Sorte peggiore per la Renault e il suo conducente, con l’auto che ha carambolato su se stessa dopo l’urto contro il guardrail: il conducente è stato sbalzato fuori dall’abitacolo e ha riportato ferite gravissime. Entrambi gli occupanti sono 20enni originari di Afragola. A morire nell’incidente è stato il 47enne alla guida del tir, trovato già senza vita dai soccorritori.

Il tratto autostradale è rimasto chiuso per diverse ore per consentire i rilievi e il ripristino della viabilità. I soccorritori arrivati sul posto si sono trovati dinanzi ad una scena apocalittica. Diversi i mezzi coinvolti e difficili le operazioni di recupero.

Raffaele muore a 30 anni

Conclude la scia di incidenti, lo scontro avvenuto, sempre ieri mattina, a Carinola, sull’Appia. Ad avere la peggio è stato un ragazzo di 30 anni, Raffaele Ponsillo, deceduto in seguito alle ferite troppo gravi che ha riportato nel sinistro. Raffaele era in sella alla sua moto, quando, per cause in corso di accertamento, si è schiantato contro una Peugeot 308. Purtroppo, il 30enne, ha perso la vita sul colpo.

Il Sindaco di Caiazzo Stefano Giaquinto ha commentato la grave perdita sui social, dove ha espresso tutto il suo dolore: “Certo di interpretare lo sgomento di tutta la cittadinanza, desidero esprimere, a nome mio e dell’Amministrazione, profondo cordoglio alla famiglia del giovanissimo Raffaele Ponsillo, per l’immenso dolore che sta vivendo in questo terribile momento. Una giovane vita stroncata all’improvviso lascia tutti sconvolti. Non ci sono parole che possono esprimere ciò che si vorrebbe dire.”