Le strategie dei Verdi per le elezioni a Mugnano: coalizione civica, Schiattarella, M5S e Regionali

Nella prossima tornata elettorale parteciperanno anche i Verdi, forza politica che è al centro di vari ragionamenti politici. Mario Mauriello, Gennaro Totaro e Mimmo Puzone stanno lavorando alla strategia in vista elezioni comunali del 2020.

Gli ambientalisti stanno puntando alla creazione di un progetto di coalizione civica con Mario Imbimbo e Carmine Iazzetta, confronto che è iniziato circa 2 anni fa nel Comitato Voce ‘e Popolo. Parallelamente stanno conducendo incontri con la coalizione Mugnano 2020 di Giovanni Porcelli, Ezio Micillo e Genny Santopaolo. Per far emergere le loro intenzioni future abbiamo intervistato l’ex consigliere provinciale ed ex candidato a sindaco del centrodestra Mauriello.

Come vi state preparando per le prossime elezioni comunali?

Vogliamo ragionare con le liste civiche perché ambiamo alla trasversalità e non vogliamo farci condizionare dai simboli: non siamo contro nessuno ma vogliamo far qualcosa per il paese. Siamo intenti a costruire una coalizione civica, se non ci riusciamo ritorneremo nei nostri partiti di appartenenza. Non ci uniremo mai a forze politiche estremiste né di destra né di sinistra.

Come è iniziata la sua esperienza nel Comitato Voce ‘e Popolo?

Due anni fa siamo diventati promotori insieme a Mario Imbimbo ed oggi vogliamo costruire un progetto comune.

Come vedete l’apertura al civismo da parte di Pierluigi Schiattarella?

Lui è un uomo del Pd e noi aspettiamo che le sue parole diventino fatti, ma il civismo non deve essere caratterizzato dagli uomini di partito. Riscontriamo però che nei democrat c’è un grande fermento, vediamo 3 candidati a sindaco. 

Siete pronti ad accettare nella vostra coalizione il Movimento Cinque Stelle?

Accettiamo tutte le energie del territorio che si rivedono in un progetto unico per Mugnano, ma dobbiamo essere tutti civici.

Come proseguono gli incontri con la coalizione Mugnano 2020?

Noi Verdi vogliamo fare una coalizione per Mugnano e non siamo interessati ad altri ragionamenti perché abbiamo i nostri riferimenti regionali.

Quali sono i vostri punti programmatici?

Risparmio del consumo di suolo, investimento in infrastrutture ricreative, redazione di un Piano Urbano Comunale che sia a misura d’uomo, valorizzazione delle strutture pubbliche come il Ritiro del Carmine e il museo ipogeo.