Ucciso dal Covid a 49 anni, lacrime in provincia di Napoli per Massimo: lascia 2 figli

Ucciso dal Covid a 49 anni, lacrime in provincia di Napoli per Massimo
Ucciso dal Covid a 49 anni, lacrime in provincia di Napoli per Massimo

Massimo Caliendo, autista della CTP, ha perso la vita a causa del Covid. L’uomo di 49 anni – riporta Il Mattino – lavorava sulla linea A37 Acerra-Napoli. Il dipendente dell’azienda di trasporti, residente a Cicciano, era stato ricoverato nell’ospedale civile di Nola due settimane fa, per poi essere trasferito nel nosocomio di Boscoreale dopo il peggioramento delle sue condizioni. Purtroppo, ieri mattina, il decesso.  Massimo lascia una moglie e due figli.

Non solo Massimo, due giorni fa morto per Covid anche un’ex brigadiere a Marano

Covid, muore il brigadiere Fachechi. Aveva 66 anni. Lascia la moglie e tre figli. La sua famiglia ha sperato fino all’ultimo che il suo corpo reagisse al Coronavirus, a cui era risultato positivo alla fine del mese scorso. Ma la situazione è precipitata e Luigi Fachechi non ce l’ha fatta. È morto dopo una settimana di ricovero in ospedale. Il suo cuore e i suoi polmoni, hanno smesso di lottare contro l’aggressiva malattia. Il dolore per la grave perdita si è presto diffuso in Caserma, a Marano, dove il brigadiere capo Luigi Fachechi, aveva prestato onorato sevizio per ben 25 anni.
. Il sottoufficiale era molto conosciuto e apprezzato in città per la sua professionalità, la grande energia, ma anche per la sua ironia. La frase più iconica del Brigadiere era: “Ok Roger!” che veniva contraccambiata dai colleghi con la frase “Charlie”. Fachechi, è stato un punto di riferimento per la stazione Carabinieri di Marano. Tanto è vero che molti suoi colleghi ricorrevano a lui in quanto riusciva a memorizzare tutte le strade del territorio e ad associare benissimo volti, nomi e persone.
E’ stato un esempio per molte giovane leve, ma anche un esempio per molti colleghi e conoscenti per la sua grande umanità. Fachechi riusciva a colloquiare con tutti tenendo però sempre alto i valori dell’Arma. Valori che ha trasmesso alle nuove generazioni ed ai suoi figli. “Ti vorrò sempre bene” – ha scritto sulla sua pagina di Facebook un carabiniere. “Mi hai visto nascere e crescere in questa divisa che vestivi con orgoglio e senza fatica. Anch’io porterò questa divisa come tu hai fatto ogni giorno”. I funerali si terranno domani alle 10 presso la chiesa di Largo Monsignor Augusto Curi di Bari. A ricordarlo saranno colleghi, familiari e conoscenti che ne hanno elogiato la figura esemplare di padre, marito, amico e soprattutto Carabiniere. Alla famiglia ed all’Arma dei Carabinieri di Marano, le condoglianze della nostra redazione.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK