Quando il gioco si fa duro i duri scendono in campo. Quando si tratta di aiutare le persone in difficoltà i napoletani non si girano dall’altra parte, mai. In questi giorni difficili stiamo assistendo al moltiplicarsi di iniziative a sostegno delle persone in difficoltà in diversi quartieri di Napoli. In Via Santa Chiara, nel centro storico di Napoli, ad esempio è comparso un “panaro” affiancato da un cartello  che riporta la frase “Chi può metta, chi non può prenda“. La foto ha fatto rapidamente il giro di tutti i social. Si tratta di un “panaro solidale”, un invito ad aiutare chi, in questo difficile e doloroso momento storico, oltre a lottare con un nemico invisibile, sta lottando con la miseria. Con l’emergenza Covid-19, che ha messo in ginocchio oltre al sistema sanitario anche quello economico del paese, i rischi di indigenza per i cittadini sono altissimi, anche per chi avesse un lavoro “stabile” prima della pandemia. Ma ovviamente i primi a restare in ginocchio in questa situazione sono quelli che già da prima avessero problemi economici, o che sbarcassero il lunario con lavoretti saltuari.

Sono i classici panieri calati dai balconi, con su un cartello: “Chi può, metta. Chi non può, prenda”. Un invito insomma a chi ha più disponibilità economiche a lasciare del cibo per chi, invece, dopo quasi venti giorni di serrata nazionale, inizia a risentire delle difficoltà economiche. Una risposta solidale che sconfessa così gli inviti arrivati a mezzo social nei giorni scorsi ad “assaltare” i supermercati lanciati a spronare gli indigenti. Un invito, quest’ultimo, sconsiderato e folle che ha fatto scattare l’identificazione di diverse persone (per lo più in Sicilia), ma che aveva messo in allarme anche in Campania. Nei giorni scorsi, un video girato nella periferia orientale di Napoli in cui una persona priva di denaro tentava comunque di fare spesa, aveva suscitato scalpore in Rete: ma in quell’occasione, pare si fosse trattato di un’azione puramente “dimostrativa”.

Andrea Sannino, cantante e autore di Abbracciame, diventata colonna sonora di questa quarantena, in un post su Fb e Instagram mette in risalto la solidarietà dei napoletani e i servizi di alcuni media: “Queste sono spese di alimenti…
Oggi in alcuni Tg Nazionali hanno iniziato lo SPUTTANA SUD dicendo che sono cominciate Rapine e furti nei supermercati….Non so se crederci, ma sicuramente questa foto parla da sola….Fino ad oggi da parte di chi dovrebbe SOSTENERE i cittadini, abbiamo sentito tante promesse, bonus e termini poco appetibili alla fame…Chi guarda questa foto deve capire che anche questi sono i nostri quartieri…la nostra gente; Qui il vicino ti fa la spesa e te la regala se conosce la tua difficoltà…So di queste iniziative in molti quartieri, in molte province della mia terra. Posso solo dirvi che siete gente meravigliosa…e anche da soli qui non ci si avvilisce mai !
Quindi cari TG , per favore, dite anche questo !
Non cadete nelle trappole di alcuni per il fango di tutti. Saluto con un augurio queste,
speriamo “poche” ma “piccole”persone, che ad ogni occasione non ci vogliono unite:
Che insieme al virus, possiate una volta per tutte, sconfiggere questo inutile e maledetto PREGIUDIZIO che vi divora!
Un uomo del Sud, vicino ai fratelli del Nord… figlio di quella gente che nonostante è orgogliosa di essere Italiana !”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.