Scambia il parroco per l’amante della moglie e lo prende a pugni, denunciato marito violento

Brutta avventura ieri sera, a Fontecchio, poco prima dell’ora di cena, per un sacerdote di Pettino, don Pino Del Vecchio, che diretto verso il convento di S.Francesco d’Assisi, a Castelvecchio Subequo, è stato prima affiancato da un’auto e poi un uomo lo ha sequestrato e malmenato, convinto che quell’uomo in tonaca fosse l’amante della moglie. Sull’episodio di violenza indagano i carabinieri della compagnia di Sulmona. Il sacerdote avrebbe anche individuato l’aggressore, prendendo il numero di targa dell’auto. Appena sceso dall’auto l’uomo avrebbe inveito contro il sacerdote, accusandolo di essere amante della moglie, poi gli ha preso il telefonino, cercando le prove della relazione extraconiugale ed infine tra urla e minacce l’uomo ha colpito il sacerdote sferrandogli pugni al volto. Una volta riuscito a riprendersi il telefonino, don Pino trafelato e spaventato dalla violenza subita, ha subito chiamato i carabinieri mentre l’aggressore se l’è data a gambe.

I fatti si sono verificati ieri sera intorno alle 19 a Fontecchio. Secondo la ricostruzione fornita dal prelato, il parroco stava procedendo con la sua auto in direzione Castelvecchio Subequo, dove lo attendevano i frati nel convento di San Francesco. All’improvviso è stato prima affiancato da un’altra auto e poi costretto a fermarsi e scendere da un uomo in evidente stato di concitazione: costui avrebbe accusato il sacerdote di essere appena uscito dalla sua abitazione, sostanzialmente accusandolo di essere l’amante della moglie. Don Pino ha provato a far capire che si trattava di un clamoroso scambio di persona, ma l’uomo non ha voluto sentire ragioni ed è riuscito a strappargli il telefono cellulare di mano che ha controllato minuziosamente alla ricerca di prove della relazione extraconiugale. Don Pino, che ha ricevuto alcuni pugni al volto, non è grave.