Positivo al coronavirus, il primo caso ad Acerra: un uomo tornato dal Nord Italia

Anche Acerra ha registrato il primo caso di un residente positivo al coronavirus. Secondo quanto riportato dal sito, edizione napoli, si tratterebbe di una persona tornata dalla Lombardia dove era per motivi di lavoro che si è autodenunciata presso il Comune. A confermare il caso è stato proprio il primo cittadino Raffaele Lettieri.

L’uomo non presentava alcun sintomo ma si è sottoposto al test che oggi ha dato esito positivo. Prima del risultato del tampone si era già messo in autoisolamento. Da ricostruire ora gli ultimi contatti dell’uomo.

Il messaggio del sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri:

“Cari Concittadini, sono stato avvisato dalle autorità sanitarie che abbiamo in città un caso positivo di coronavirus, una persona che è venuto dalla Lombardia per ragioni di lavoro. E’ un caso asintomatico che prima di iniziare il lavoro per il quale era arrivato si è sottoposto al tampone. Questa persona si era anche segnalato al comune e alle autorità sanitarie, era in autoisolamento. Speriamo abbia avuto pochi contatti.
A tutti voi dico nuovamente, quando arriva qualche parente dalle altre regioni devono andare subito in autoisolamento e bisogna avvisare le autorità subito. E’ ora di fare la nostra parte e di dimostrare di che pasta siamo fatti. Dobbiamo stare a casa. E’ l’unica cura, lo stiamo dicendo in tutti i modi: state a casa. La spesa, andare alla posta… non devono essere scuse ma necessità. C’è gente che rischia la vita tutto il giorno per voi che non state a casa.
Se questa persona, a cui auguriamo pronta guarigione, ha adottato le misure che stiamo annunciando da giorno, possiamo evitare che ci sia un contagio. Noi dobbiamo stare a casa. Rispettiamo le regole, è per la nostra salute.”