24.8 C
Napoli
lunedì, Maggio 23, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Tradita con la signora delle pulizie, la mia prima volta da piccola”, Priscilla Salerno si racconta


La nota pornostar Priscilla Salerno si è aperta, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha svelato diversi retroscena e confidenze sulla sua vita. All’anagrafe Fortunata Ciaco, l’attrice ha una storia tormentata alle spalle con ben quattro matrimoni. L’ultimo terminato con uno di quei tradimenti che sanno più da commedia all’italiana che da vita quotidiana: «Mi ha tradito con la donna delle pulizie». Madre salernitana e padre Catalano, Piscilla vive da anni in Veneto ma il suo sogno è quello di diventare sindaco della città di Salerno, a cui è molto affezionata. «A darmi il nome d’arte Priscilla Salerno è stato uno dei primi produttori, Marzio Tangeri che vide nel mio volto dei tratti egiziani e affiancò a Priscilla, che dava l’idea di una principessa egizia, il nome della mia città, Salerno».

«Io avevo fame non di soldi ma di fama e soprattutto di libertà. Io per esempio non mi sarei mai vestita, sarei rimasta sempre nuda. A 8 anni giocavo con le bambole e le spogliavo perché le volevo far sentire libere», racconta Priscilla sulla sua infanzia e adolescenza.

Sull’inizio della sua carriera racconta: «Avevo 22 anni e lavoravo in uno studio legale come segretaria. Non guadagnavo molto ma avevo una gran voglia di indipendenza. Un’amica mi spinse ad andare con lei in un locale per uno spettacolo dove, su un palco, bisognava togliersi il reggiseno per un po’. Ci avrebbero dato 500 mila lire. Così sono andata e mi è venuto facile, non ho provato nessun imbarazzo. In questo locale che si trovava a Foggia c’era anche Riccardo Schicchi insieme a Eva Henger, Moana Pozzi, Cicciolina, le star del momento. Fui invitata al tavolo e ricevetti la proposta di fare dei film porno. Al momento rifiutai ma Schicchi mi mise in mano un bigliettino dicendomi: sono sicuro che mi richiamerai». «Una sera in tivù al Maurizio Costanzo Show vidi che tra gli ospiti c’era proprio Schicchi con Moana Pozzi. Capii che era una persona importante e così lo chiamai e fissammo un appuntamento a Firenze. Dopo tre giorni ero a girare il primo film. E qui devo dire che ho fatto le mi prime vere esperienze sessuali, mi piaceva stare davanti alla telecamera, farmi guardare… Nello stesso tempo pensavo che avrei preso un bel po di soldi e sarebbe finita lì, nessuno se ne sarebbe accorto».

Sul rapporto con la famiglia racconta:“Io sono stata allontanata dalla mia famiglia, licenziata dal lavoro. Mi sono ritrovata sola ma non mi sono persa d’animo ed ho iniziato a lavorare nei locali e da qui è iniziata la mia carriera che mi ha portato a girare per l’Europa, a vincere premi”.

«Si mi hanno cercato grosse case di produzione sia italiane che internazionali. Io ho fatto una trentina di film, ma il mio è stato un filone d’élite. I miei film sono per il piacere femminile perché il porno è molto maschilista e quindi ho cercato di renderlo gradevole ed infatti tra i miei fan ho molte donne».

Sulla carriera da politica«Io sono di centrodestra e ho scelto il nuovo Psi che rientra in quell’area. Poi però al momento di fare le liste è arrivato il veto di Forza Italia che non voleva che nel centrodestra ci fosse una pornostar. E questo mi ha fatto infuriare perché io avevo competenze superiori ad altri. Io pago le tasse in tre stati, sono pulita… Alla fine non riuscendo a parlare con nessuno dei big del centrodestra mi sono defilata». «Certo. Io penso a una politica che parta dal basso e ho creato una associazione ‘Categoria libertà’ con l’obiettivo di sviluppare un progetto che nel 2026 mi porti con un gruppo di persone e di liste a fare il sindaco di Salerno».

 

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Giugliano. Una raccolta fondi per aiutare Aniello, il giovane padre lotta contro il cancro

Una raccolta fondi per aiutare Aniello Di Biase. Il 36enne di Giugliano lotta da 11 anni contro un brutto...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria