chiuse focolai covid scuole marigliano
Foto di repertorio

Il sindaco di Marigliano ha disposto la chiusura di tutte le scuole fino al 30 aprile. La fascia tricolore Peppe Jossa ha motivato così la nuova ordinanza: “Ho preso la decisione sulla base sui dati dei contagio. Purtroppo l’autorità sanitaria mi ha indicato di procedure alla chiusura: la situazione era tale che non si poteva fare diversamente. L’Asl mi ha chiesto di chiudere tutti gli istituti. Il virus è in mezzo a noi e non è stato ancora debellato. Potenzieremo i controlli ma comprendo il disagio“. Il sindaco ha pubblicato la nota che ha ricevuto dall’Asl Napoli 3 Sud nella quale sono stati segnalati 3 focolai attivi e 19 contagiati tra alunni e personale.

SITUAZIONE SCUOLE IN ZONA ARANCIONE

In zona arancione sono assicurati in presenza lo svolgimento di diversi attività didattiche. Nidi e micronidi, sezioni primavera e servizi integrativi quali spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare comunque denominati e gestiti. Scuola dell’infanzia (materna), scuola primaria (elementari),  scuola secondaria di primo grado (scuole medie).

Nello stesso periodo, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado (licei, istituti tecnici etc.) garantiscono l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento. Fino a un massimo del 75 per cento, della popolazione studentesca, mentre la restante parte si avvale della didattica a distanza. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Garantendo comunque il collegamento telematico con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK. 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.