Scampia. La ‘Vela Verde’ ridotta in macerie, terminato l’abbattimento. Tozzi: “E’ anche merito di Gomorra”

Abbattuta la Vela Verde di Scampia, giù il simbolo di Gomorra
Abbattuta la Vela Verde di Scampia, giù il simbolo di Gomorra

Si è conclusa questa mattina la prima tappa verso la riconversione dell’area dove sorgono le vele di Scampia. Con l’ultima ‘pinzata’ sono giunte al termine le operazione di abbattimento della Vela Verde, diventata negli anni simbolo di “Gomorra”. I lavori iniziati lo scorso 20 febbraio davanti ad una folla entusiasta e curiosa, i lavori sono proceduti con qualche rallentamento dovuto all’emergenza coronavirus. Nel cantiere oggi resta in piedi un ultimo pezzo dell’edificio che sarà smontato definitivamente nel giro di una settimana, dopodiché si procederà alla frantumazione del materiale di risulta.

Il progetto di riqualificazione è iniziato da lungo tempo. La maggior parte degli assegnatari di quelle che sono diventate case popolari hanno trovato collocazione in nuove palazzine costruite dal Comune di Napoli. Il complesso abitativo delle vele di Scampia era composto inizialmente da sette edifici divisi in due lotti. Tra il 1997 e il 2003, i tre edifici del lotto L furono abbattuti su iniziativa dell’allora sindaco Antonio Bassolino. Il progetto di riqualificazione è ripreso con il sindaco De Magistris che dall’inizio del suo mandato ha avviato la seconda fase. Delle sette vele solo la ‘vela Celeste‘ resterà in piedi e ospiterà gli uffici della Città Metropolitana.

Abbattimento della Vela Verde: “E’ anche merito di Gomorra”

«Questa notizia la prendo come un segnale buono, mi fa pensare che il faro che la serie ha accesso anche su Scampia un effetto ce lo ha avuto, perché se oggi vado a Scampia vedo un posto molto diverso da quello che ho visto quando ci sono arrivato tanti anni fa. È decisamente cambiato in meglio. Era un simbolo del degrado ma ora rappresenta anche la reazione al degrado». A parlare così all’Adnkronos della demolizione della Vela Verde di Scampia è il produttore di  Gomorra Riccardo Tozzi, che con la Cattleya di cui è presidente, ha seguito la realizzazione della serie, fin dalla prima stagione, andata in onda nel 2014. Nella serie la Vela Verde era uno dei luoghi nevralgici di incontri e scontri tra i protagonisti della guerra tra famiglie della camorra per il controllo delle piazze dello spaccio di Napoli e dintorni.

Giù le vele di Scampia: “Evento storico”

E’ un evento storico perché rappresenta l’abbattimento di un mostro non solo dal punto di vista strutturale, ma anche ideologico“, racconta all’Adnkronos il presidente dell’Ottava Municipalità di Napoli, Apostolos Paipais, che oggi ha visitato il cantiere e parla di vittoria del territorio, dei cittadini e del Comitato Vele che per 30 anni ha lottato per questo“. Contestualmente a Scampia è in via di ultimazione la realizzazione della nuova sede della Facoltà di Scienze infermieristiche.