«Ceniamo insieme e diciamoci addio», donna stuprata e rapinata dall’ex

È stata aperta dalla procura della Repubblica un’inchiesta a carico di un operaio 42enne, residente a Trissino e accusato di aver violentato e rapinato la sua ex fidanzata di Vicenza, di 35 anni. Stando a quanto riportato da Il Giornale di Vicenza, la vittima avrebbe chiamato a casa sua l’ex per invitarlo a cena e restituirgli i gioielli ricevuti durante la loro storia e, infine, per dirgli addio.

I due durante la cena avrebbero bevuto molto e, sotto l’effetto di alcool, avrebbero consumato un rapporto, che la stessa avrebbe negato poco prima all’uomo. Smaltita la presunta sbornia quindi la donna ha presentato denuncia ai danni dell’ex per stupro e furto di preziosi. Lui si difende dicendo che il rapporto è stato consenziente e che, i gioielli trovati nella sua abitazione, siano i doni che il medesimo ha regalato alla donna durante il periodo di fidanzamento. La parola adesso passa all’aula del tribunale.