Villaricca. Incarico legale ad un candidato del Pd, la maggioranza replica: «Solo illazioni»

Il consigliere d’opposizione Raffaele Cacciapuoti torna ad attaccare la gestione della macchina comunale di Villaricca. Questa volta l’esponente di Liberi e Forti punta il dito contro l’assegnazione di un incarico legale a Raffaela Granata, candidata e non-eletta al consiglio comunale della lista del Pd che nell’ultima tornata elettorale ha ottenuto 160 voti.

Il sindaco Maria Rosaria Punzo ha risposto alle accuse: “La nomina è stata fatta dall’ufficio comunale che seleziona l’avvocato più compentente ed idoneo dalla short list. Noi non abbiamo responsabilità di una determina e dall’opposizione arrivano solo illazioni prive di senso. Questi comportamenti non possono essere attribuiti a me, forse altri svolgevano il loro ruolo politico ricorrendo a queste condotte. Inoltre non è possibile che coloro che si sono candidati non possano più fare l’avvocato per l’ente”.

Dello stesso avviso il consigliere della lista ApertaMente Francesco Maisto: “Il problema non esiste perché questi sono incarichi fiduciari che l’ufficio concede in base alla professionalità dell’avvocato. Voglio ricordare che la Granata aveva difeso l’ente già nella precedente consiliatura del sindaco Francesco Gaudieri”.