Perde il controllo dell’auto per evitare un cane, muore giovane promessa del calcio italiano

Purtroppo non c’è stato niente da fare: Denis Zaniboni, 19 anni, è morto sul colpo dopo un incidente stradale. Giovane promessa del calcio bresciano, era difensore alla Calvina. Un attimo fatale: una sterzata improvvisa, a quanto pare per evitare un cane, l’auto che diventa impossibile da controllare e finisce fuori strada, colpisce un albero e si ribalta. Uno schianto terribile.


Ad informare dell’accaduto è stato il sito Today.it. Sulla dinamica dell’incidente indaga la Polizia Stradale: la salma riposa all’obitorio dell’ospedale di Montichiari, in attesa dell’autopsia. Ancora sangue sulle strade bresciane: l’incidente è avvenuto sabato sera, intorno alle 00.30 a Teglie di Carpenedolo, lungo la Sp343. Sulla Volkswagen Polo che stava viaggiando verso Visano, dove i due abitavano, c’erano Nicolas Argo e Denis Zaniboni, coetanei e amici da una vita. Stavano tornando a casa dopo aver passato la serata nell’alto mantovano. Lo schianto non ha lasciato scampo al giovane Denis. L’auto è uscita di strada, ha toccato un albero e si è girata su se stessa.


Nicolas è sceso dalla macchina, miracolosamente illeso, ha chiesto aiuto agitando le braccia: dietro di loro c’erano altre due vetture, a bordo altri ragazzi che hanno allertato il 112. La voce si è sparsa rapidissima: sono tantissime le squadre e le società (Feralpi, Uso Ome, Pralboino, Calcinato, Ghedi, Ciliverghe Mazzano solo per citarne alcune) che si stringono al cordoglio della famiglia. Denis aveva soltanto 19 anni: si era da poco diplomato al Bonsignori di Remedello, da qualche mese lavorava per un’azienda agricola di Calvisano. Oltre a mamma e papà lascia due fratelli, lui era il più giovane. Gli amici lo chiamavano “Zanna”.