8 marzo, musei campani gratis per tutte le donne

(Un depliant del MiBACT per la festa delle donne - MiBACT)

Importante iniziativa indetta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Oggi, in occasione dell’8 marzo, tutti i musei statali nazionali saranno ad ingresso gratuito per le donne. L’iniziativa, presentata nei giorni scorsi, è stata lanciata con l’hashtag #8marzoalmuseo. Proprio l’hashtag è diventato già trend topic su Twitter e Istagram. Anche questo, nella modernità, vuol dire festeggiare le donne, principalmente nel giorno a loro dedicato. Ma concentriamoci sui musei campani, quelli più vicini a noi. Sono ben undici i poli museali coinvolti dall’iniziativa “8 marzo al museo”.

8 marzo nei musei cittadini

  • Museo archeologico nazionale Oltre al biglietto libero per tutte le donne, alle 11 il Mann ospita la conferenza “Storie di donne con la passione per le antichità”, di Miriam Capobianco. Alle 17, poi, la visita “Una archeologa senza rossetto”, dedicata alla grande archeologa Paola Zancani Montuoro, scopritrice, assieme a Umberto Zanotti Bianco, del santuario di Hera Argiva alla foce del Sele.
  • Museo di Capodimonte – Alle 17 il salone Camuccini ospita “Donna, eterno mito”, con Anna Maria Ackermann. Il titolo spiega tutto: nell’omaggiare l’universo femminile, l’attrice porta in scena una serie di monologhi ispirati a celebri eroine del teatro e della letteratura. Sarà la stessa Ackermann a riproporne le voci, accompagnata al piano dal maestro Rosario Ruggiero, che eseguirà al piano brani tratti dal repertorio di Beethoven, Brahms, Chopin e Mendelssohn-Bartholdi.
  • MADRE – Il museo d’arte contemporanea di via Settembrini offre il biglietto gratuito al pubblico femminile e un ingresso ridotto per gli accompagnatori. Alle ore 17 è in programma “8MAdre“, una speciale visita tematica attraverso le opere dei percorsi espositivi “Pompei@Madre” e “Per_formare una collezione”. Il profilo Facebook del Madre lancia inoltre l’hashtag #8MAdre, proponendo anche cinque giorni di racconto delle donne, del loro ruolo e della loro ricerca e influenza nella storia dell’arte contemporanea.
  • Museo e certosa di San Martino – In programma alle 16.30 una visita di approfondimento dedicata alla mostra “La Madonna delle ciliegie” con Ileana Creazzo, seguita da una performance di danza “In-tendersi” creata per l’occasione, a cura di Stefania Contocalakis.
  • Museo Duca di Martina In programma, alle 11, un approfondimento su Maria Migliaccio, duchessa di Floridia, che in seconde nozze sposò il re Ferdinando IV di borbone.
8 marzo-musei-napoli
La corte del MADRE, tra i musei aperti l’8 marzo – MADRE.it

8 marzo nei musei extracittadini

  • Paestum. Alle 17:30, nel Museo archeologico del parco, un gruppo di attrici impersonerà una rappresentanza di donne che hanno calpestato il suolo pestano in differenti momenti storici condurranno i visitatori attraverso un percorso tematico.
  • Parco Archeologico di Ercolano. Non solo ingresso gratuito per tutte le donne. Ai visitatori sarà anche proposta una visita multisensoriale nella sezione femminile delle Terme Centrali. Si tratta di un “percorso emozionale” che, partendo dalla prima stanza riscaldata adibita a spogliatoio, conduce ai due ambienti in cui le antiche ercolanesi si dedicavano alla cura del proprio corpo e alla rigenerazione dello spirito: il tepidarium e il calidarium. I visitatori saranno completamente coinvolti dall’ambientazione.
  • Pompei. Ingesso gratuito alle donne in tutto il parco archeologico, inclusi i siti di Oplontis, Stabia e Boscoreale
  • Reggia di Caserta. Due iniziative in programma. Innanzitutto, “Divina sezione- L’architettura italiana per la divina commedia” mostra allestita nella sala Alabardieri degli Appartamenti storici. L’inaugurazione è prevista per le 16.
  • Eboli, Museo Archeologico. Alle18.30 ci sarà “Il Museo al Femminile: Storie di donne e non solo, a cura della direttrice Giovanna Scarano.
  • Nola, Museo archeologico. Il 10 marzo, alle 17, “Donne alla ribalta: l’immaginario femminile partenopeo in scena”: spettacolo musicale promosso dell’Associazione Fidapa, sezione di Nola.