Ospedale esplode di gioia, donna con tumore operata da sveglia: guardava un film

Ieri, 13 dicembre, si festeggiava Santa Lucia, protettrice della vista. E coincidenza vuole che proprio nello stesso giorno una donna, affetta da un tumore al cervello, si è operata da sveglia. Un intervento riuscito ed eseguito da un team multidisciplinare: in sala operatoria  -scrive Leggo.it – c’erano i neurochirurghi Roberto Trignani, direttore del reparto e Stefano Vecchioni, il neuroanestesista Pietro Martorano, l’oculistica Michele Nicolai, la psicologa Silvia Bonifazi, tecnici di neurofisiopatologia ed infermieri. Il reparto ospedaliero ha una lunga expertise di interventi in awake, cioé con pazienti svegli, che lo rendono un’eccellenza a livello nazionale, ma quello di ieri è stato ancora più particolare.

La paziente, una 50enne della provincia di Ancona, è stata operata per rimuovere un tumore dal cervello, in particolare dalla parte occipitale, nella quale si trovano i punti che controllano la vista. Un intervento che ha pochissimi precedenti. Da qui la necessità di monitorare in tempo reale, l’azione del chirurgo, verificando che non siano toccate parti funzionali: per questo il paziente resta sveglio – anche se ovviamente non prova alcun dolore per l’intervento – e collabora con il team di specialisti. La paziente di ieri ha scelto la visione di un filmintervallata da specifici controlli sulla vista. L’ha sostenuta la psicologa, già prima di entrare in sala operatoria. L’intervento del team dell’ospedale di Torrette è riuscito e, secondo i primi esami, la vista è addirittura migliorata.