È arrabbiato, Andrea Albanese. Sono passati quasi cinque anni dal giorno in cui dimenticò suo figlio chiuso in auto, sotto il sole, a Piacenza.

«L’ho appena saputo… questa volta non aspetterò di essermi calmato, voglio subito esprimere tutta la mia RABBIA verso chi ha sempre sottovalutato questo problema, verso chi POTEVA evitare questa ulteriore tragedia!!!»: è uno sfogo amarissimo quello di Andrea Albanese, che appena ha letto la notizia del bambino morto in auto, abbandonato a Pisa dal papà inconsapevole, ha scritto un post su Facebook annunciando di voler chiudere il gruppo «Mai più come Luca». Era lui, il papà di Luca, e lui sa benissimo per averlo provato sulla propria pelle, quale possa essere l’angoscia di lasciare un figlio in auto e ritrovarlo morto: il 4 giugno del 2013 dimenticò in auto sotto il sole per nove ore il piccolo Luca, due anni. Indagato inizialmente per omicidio colposo, Albanese è stato poi assolto dal tribunale in base a una perizia che lo giudicò «incapace di intendere e volere» poiché colpito da «amnesia dissociativa». È per questo che si era fatto promotore di un disegno di legge per evitare che la stessa sorte capitasse ad altri bambini innocenti: aveva presentato un emendamento che avrebbe resto obbligatori i sistemi anti abbandono in auto, «ma quel provvedimento fu stralciato dalla manovra di bilancio per estraneità della materia…», ricorda ora triste e arrabbiato.

«La politica lontana dai problemi reali»

Secondo Andrea, «la politica è estranea dai problemi reali, dalla tutela della vita, dai problemi delle famiglie, e questi sono i risultati. Era un provvedimento a costo zero, estraneo alla materia… sono incazzato nero, ogni anno la storia si ripete, sono tragedie evitabili e nessuno fa nulla!!! Ho cercato in ogni modo di svegliare la politica su questo argomento, non c’è stato nulla da fare». Per Andrea, che ha provato in questi anni a trasformare la sua tragedia in una battaglia per tutti i genitori, a tutela dei bambini, «questo gruppo non ha più senso perché non c’è niente da fare… la vita dei bambini non conta nulla per loro».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.