Il clan Mariano, detto dei Picuozzi, alla sbarra. Il Pm della Dda ha avanzato le richieste di condanna. Tra gli imputati spicca il nome di Mario Savio, soprannominato “’o bellillo”.  La richiesta per lui è stata di 15 anni. Mentre la richiesta, nei confronti di Arcangelo e Raffaele Trongone, inseriti dagli inquirenti fra gli esponenti di spicco della mala del centro storico, è stata rispettivamente a 14 anni e a 14 anni e sei mesi di carcere. La condanna è stata chiesta anche per il professor Luigi Ussano, primario di Medicina generale del Mondali: tre anni è la richiesta di condanna proposta dal pm. Lui, Ussano, è finito nell’inchiesta perché nel suo reparto fu ricoverato, ad aprile 2010, Marco Mariano, l’ex boss all’epoca destinato alla casa di lavoro di Sulmona. Per il pm, Mariano si sarebbe attivato per ottenere un ricovero per una patologia cardiologica. Per il resto, l’elenco delle richieste che hanno chiuso la requisitoria del pm prosegue con la condanna a 12 anni chiesta per Antonio Cammarota, 24anni di carcere per Massimo Gallo, 12 anni per Ciro Gallo e otto anni per Carmine Fulgiero. Pene meno severe,che oscillano tra i quattro anni e l’anno e mezzo di reclusione, sono state infine chieste per imputati, tra insospettabili e gregari, che avrebbero avuto un ruolo più marginale negli affari illeciti del clan.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.