Cardito, Noemi dimessa dall’ospedale, ora l’amara verità sulla morte del fratellino Giuseppe

E’ uscita dall’ospedale e ha fatto ingresso nella casa famiglia dove è già ospite la sorella minore la piccola Noemi, vittima della furia del patrigno a Cardito. A dare la notizia Il Corriere del Mezzogiorno. La bimba era arrivata in gravissime condizioni al Santobono di Napoli il 27 gennaio: insieme a suo fratello Giuseppe(che ha perso la vita per le botte) era stata colpita in casa con schiaffi, calci e pugni da Tony Essoubti.

“Sono trent’anni che faccio questo lavoro anche al pronto soccorso e non avevo mai visto una scena così raccapricciante”, aveva raccontato Vincenzo Tipo, direttore del pronto soccorso dell’Ospedale Santobono di Napoli, descrivendo le condizioni della bambina. “Il trauma psichico è più grave di quello fisico”, aveva poi sottolineato.

Ora che lividi e ferite sulla pelle sono stati curati, Noemi proverà a tornare alla normalità. Sarà assistita anche da un team di psicologi che le racconteranno di quello che è successo, della morte del fratellino con cui giovava sul letto prima della disgrazia.

L’altra bimba, invece, ha soli 4 anni: è scampata alla violenza del compagno della madre. Da una settimana è in una struttura protetta, che è un modo carino per dire che è in un centro che accoglie minori disagiati.