Costretti a bendarsi durante l’interrogazione, polemica sulla didattica a distanza nel liceo a Scafati

didattica a distanza
Costretti a bendarsi durante l'interrogazione, polemica sulla didattica a distanza nel liceo a Scafati

Alunne bendati durante l’interrogazione a distanza per impedire loro di consultare gli appunti. È quanto accaduto nei giorni scorsi al liceo “Caccioppoli” di Scafati (Salerno) dove – come riporta il sito cronachedellacampania.it – un’insegnante di Latino e Greco ha adottato questa decisione durante una lezione svolta con la didattica a distanza. “Si trattava di un esempio per dimostrare ai ragazzi che non hanno bisogno di sbirciare” ha detto all’ANSA il dirigente scolastico Domenico D’Alessandro che ha già parlato dell’accaduto con la docente; il fatto, riferisce il preside, ha coinvolto due studentesse. Il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli ha presentato un’interrogazione all’assessore Lucia Fortini.

Il caso della didattica a distanza

Gli studenti sentiti telefonicamente da Fanpage.it hanno voluto però tuttavia puntualizzato. “È un episodio che non mette in discussione  la professionalità della docente, sempre stata presente e vicina a noi”.  Lo screenshot di questa interrogazione postato in un gruppo privato Whatsapp dei rappresentanti d’istituto del liceo. Si chiedeva d’essere avvisati nel caso in cui fosse stata ripetuta una cosa del genere e inizialmente il preside dello stesso avrebbe voluto prendere provvedimenti contro lo studente che ha diffuso la foto.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.