“Devo prendere i soldi al bancomat”, multato in provincia di Napoli

Continuano senza sosta i controlli della Polizia Metropolitana di Napoli per il rispetto dei divieti imposti dalle recenti disposizioni che hanno limitato ai soli casi di assoluta necessità, ai motivi di lavoro e di salute gli spostamenti delle persone per evitare la diffusione del contagio da coronavirus.

A Pozzuoli, multate due persone per violazione dell’art. 4 del decreto legge 19/2020 perché ‘circolavano senza giustificato motivo’. Alla richiesta degli agenti, una ha dichiarato di recarsi in chiesa e un’altra che era in procinto di portare un libro a un’amica: per entrambe multa da 400 euro.

A Sant’Anastasia, precisamente nei pressi del Santuario della Madonna dell’Arco, una persona lontana dal suo comune di residenza dichiarava di andare a comprare le sigarette; un altro soggetto era intento a costruire un muro di cinta presso l’abitazione della madre, nonostante che abitasse in un luogo diverso. Per il primo sanzione da 533 euro, per il secondo da 400.

Più singolari, invece, le giustificazioni fornite alle divise di piazza Matteotti dai soggetti verbalizzati nella giornata di ieri, lunedì di Pasquetta. A Sorrento, un commercialista dichiarava di recarsi in ufficio a lavorare, mentre a Bacoli un soggetto affermava di andare, con la sua autovettura, a controllare se c’erano ancora le attrezzature su una spiaggia data in locazione a terzi.

Per entrambi multa da 533 euro. Sempre a Bacoli, un soggetto, fermato al posto di blocco, dichiarava di andare a fare la spesa, probabilmente ignorando il fatto che per la giornata di Pasquetta fossa stata disposta la chiusura degli esercizi commerciali, mentre un altro faceva jogging, per di più anche lontano dalla sua abitazione: scattate sanzioni rispettivamente da 533 e da 400 euro.

A Pompei, invece, multato un soggetto proveniente da Boscotrecase diretto a Scafati ‘per effettuare un prelievo al bancomat’ il lunedì in albis: 533 euro.

Sono state 262 le persone soggette ad accertamenti da parte delle donne e degli uomini della Polizia Metropolitana agli ordini del Comandante Lucia Rea, nelle giornate di oggi e di ieri. Nove le sanzioni elevate. Oltre a quelli citati, gli agenti hanno effettuato controlli nei comuni di Somma Vesuviana, Pomigliano d’Arco, San Sebastiano al Vesuvio, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, e a via Coroglio nel capoluogo.

Fino a domenica, invece, sono state 1.126 (1.035 persone e 91 esercizi commerciali) le verifiche operate nel corso dell’ultima settimana dagli agenti del Corpo di Polizia della Città Metropolitana, guidata dal Sindaco Luigi de Magistris, che portano a circa 2.900 il totale dei controlli effettuati da quando lo stesso Corpo è entrato a far parte del protocollo anti-contagio coordinato da Prefetto e Questore di Napoli, ovvero tre settimane orsono.

Soddisfazione per l’operato degli agenti è stata espressa dal Consigliere Metropolitano Delegato alla Polizia Metropolitana, Carmine Sgambati.