Omicidi sull’asse Sanità-Arzano, le FOTO dei due presunti killer: c’è anche l’ex fedelissimo di Rosaria Pagano

La storia del duplice omicidio di Ciro e Domenico Girardi, uccisi in un agguato di matrice camorristica il 3 giugno 2006, è la storia della colonizzazione lenta ma inesorabile di Arzano da parte degli Amato-Pagano. Renato Napoleone, e Marko Hudelka, entrambi di 36 anni, sono accusati dell’omicidio dei due fratelli. Una doppia esecuzione che arriva da lontano, dalla Sanità, da quello che era il clan dominante dell’epoca, i Misso. A raccontare i particolari di quel delitto infatti fu l’allora collaboratore di giustizia Emiliano Zapata Misso, nipote del boss della  Giuseppe, che inchiodò proprio Marco Hudelka considerato all’epoca un fedelissimo dei nipoti di Misso, boss indiscusso del gruppo che comandava la Sanità di concerto con i Savarese-Pirozzi.

Il delitto avvenne ad Arzano per questioni di rivalità tra il gruppo dei Maisto, all’epoca referenti degli Scissionisti per Arzano e le vittime circa lo spaccio di droga, in seguito a uno schiaffo dato da uno dei fratelli Girardi a un cugino di Maisto. Qui intervengono i Misso che dovevano sdebitarsi con gli stessi Maisto che avevano ucciso il consuocero di Salvatore Torino ‘o gassusar all’epoca impegnato nella faida interna con lo stesso Missi. Emiliano Zapata Misso ha rivelato che, per ricambiare quel favore, i Misso misero a disposizione dei Maisto i loro killer.