Una coalizione civica composta da 9 liste con la quale arrivare a (ri)sedersi sulla poltrona di sindaco di Melito dopo i 4 mesi ad interim, susseguenti alla morte per Covid di Antonio Amente e antecedenti alla sfiducia politica dello scorso marzo della maggioranza del Consiglio comunale.

Luciano Mottola ufficializza la sua discesa in campo alle amministrative d’autunno ponendosi a capo di uno schieramento ampio nel quale non compaiono, almeno al momento, simboli di partito. «Vogliamo una Melito vivibile, dove sia possibile passeggiare sui marciapiedi e dove i commercianti non siano costretti ad abbassare le serrande» le parole dell’ex vicesindaco della giunta Amente e poi sindaco facente funzione dopo la sua scomparsa. A sedere al tavolo durante la conferenza stampa di presentazione del suo progetto politico i rappresentanti delle liste che hanno deciso di appoggiarlo. «Intendo continuare ad occuparmi di quanto già stavo facendo con la squadra di Governo prima della sfiducia, a partire dalla cura del verde e della villa comunale con l’installazione di giostrine».

 

Il candidato sindaco auspica «un risveglio sociale e culturale della nostra città valorizzando le tante figure professionali, artistiche, sportive. Va fatto un lavoro anche sul senso civico cittadino, sicuramente da migliorare». La coalizione civica è già composta da: DifendiamoMelito#Conte; Melito in Movimento; Melito nel Cuore; Spazio ai Giovani; I Riformisti; Uniti per Melito; Terra e Vita; Melito Più; Prima Melito liste animate in parte da giovani in procinto di vivere la prima esperienza diretta in politica e da ex assessori e consiglieri comunali già esperti della complessa macchina amministrativa. Possibile che a sostenere l’avventura di Mottola si aggiungano altre liste alle 9 liste già ufficiali. «Non ho la bacchetta magica, ma se diventassi primo cittadino di sicuro sforzo dopo sforzo possiamo ottenere una città migliore.

 

Non credevo che il 4 giugno avrei presentato la mia candidatura con 9 liste a sostegno quando ci fu la sfiducia il 12 marzo» aggiunge Mottola. Ad annunciare la sua candidatura a sindaco anche l’ex presidente del consiglio comunale Nunzio Marrone mentre per il centrosinistra targato Pd- Movimento 5 Stelle il nome caldo di queste ore è Dominique Pellecchia, ex vicesindaco durante la consiliatura di Venanzio Carpentieri.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.