Bruno Bardi
Un uomo di 59 anni è morto mentre scaricava dal camion un imballo di 5 quintali

Ennesima vittima sul lavoro. Questa volta si tratta di un autotrasportatore, Bruno Bardi  59 anni di Carbonera in provincia di Treviso. L’incidente è avvenuto questa mattina in provincia di Bergamo mentre stava scaricando il carico poco prima delle 8 a Leffe, in via Pezzoli d’Albertoni 97, all’interno della ditta Plastic Leffe.

La dinamica dell’incidente di Bruno Bardi

Stando a quanto ricostruito da vigili del fuoco e carabinieri intervenuti alla ditta bergamasca, la caduta accidententale di un imballo di plastica comparra dal peso di 5 quintali avrebbe schiacciato Bruno Bardi.
L’uomo era dipendente della ditta Codognotto di Salgareda. Stava scaricando dal mezzo pesante che aveva appena parcheggiato nel cortile dell’azienda. L’incidente sarebbe avvenuto mentre l’autotrasportatore stava sciogliendo le cinghie che reggevano il carico, che lo ha appunto travolto.
Sul posto sono intervenuti i mezzi di soccorso del 118, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare: Bruno Bardi è morto sul colpo per un trauma da schiacciamento.
Anche i vigili del fuoco del distaccamento di Clusone e i volontari di Gazzaniga sono intervenuti sul posto assieme ad Ats e carabinieri.
Lascia due figli piccoli.

Donna gravemente ferita durante il turno in fabbrica

Un’operaia di 33 anni è rimasta gravemente ferita alla testa in un incidente avvenuto in un calzaturificio ad Asolo (Treviso). La donna, per cause da accertare, è rimasta impigliata e trascinata per i capelli in un macchinario, riportando l’asportazione del cuoio capelluto della nuca. A evitare la tragedia sono stati alcuni colleghi presenti che sono riusciti a bloccare il macchinario e a dare l’allarme.
La dinamica dell’incidente ricorda quella dell’infortunio nel quale è rimasta vittima  in un’azienda tessile del Pratese la 22enne Luana D’Orazio.
Per fortuna, a differenza del povero Bruno Bardi, la donna si è salvata.
La dipendente del calzaturificio è stata soccorsa da operatori del 118 e trasportata all’ospedale di Castelfranco (Treviso). Non sarebbe in pericolo di vita. Le forze dell’ordine e i tecnici dello Spisal stanno lavorando alla ricostruzione della dinamica dell’incidente.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.