Parla la trans napoletana fermata in aeroporto in Egitto: “Sputi, offese e calci dalla polizia”

– Bloccata in aeroporto al suo arrivo a Sharm el Sheik, sputi, offese e anche a calci da parte della polizia perché in Egitto le persone transessuali “non sono gradite”. É quanto denuncia Federica Mauriello, transgender partenopea socia dell’Associazione Transessuale Napoli che ha sollevato il caso attraverso un post su FB.
Secondo quanto racconta Federica in una intervista rilasciata al sito web GayNews tutto sarebbe avvenuto lo scorso 16 agosto.
“Sembrava che fosse andato tutto bene – raccolta Federica – ma quando hanno notato che sulla mia carta di identità elettronica erano riportati i dati anagrafici al maschile, mi hanno bloccata in aeroporto per una notte”.
“Non mi hanno dato alcuna spiegazione valida”, dice ancora la trans, “mi hanno fatto capire in modo molto chiaro che le persone trans non sono gradite. Ai poliziotti non è bastato non farmi entrare in Egitto: mi hanno offesa, presa a calci e sputato addosso”. Federica riferisce di non avere avuto supporto dall’Ambasciata.