Simone Frascogna
Il 3 giugno si terrà a Casalnuovo una fiaccolata per il giovane Simone

Si terrà il 3 giugno alle 19.30 a Casalnuovo di Napoli, presso piazza Municipio, una fiaccolata in ricordo del giovane Simone Frascogna. Ad annunciarlo con un post sulla pagina Facebook ‘Siamo tutti Simone’ è la madre del ragazzo Natascia Lipari. Il ragazzo venne ucciso a soli 19 anni, lo scorso 3 novembre, in seguito ad una colluttazione contro altri tre giovani.

Il commovente post in ricordo di Simone

Commovente il post di Natascia Lipari, madre del giovane Simone Frascogna. Invita tutti a partecipare in ricordo del figlio e in nome della giustizia: Per non dimenticare , oggi più di ieri abbiamo bisogno di dare voce alla vita, ai giovani che si affacciano al futuro e che questo futuro sia dettato dall’essere puliti nell’ animo. Ognuno di noi deve credere che tutto può cambiare, che ce la faremo insieme. Simone non ha esitato nemmeno un secondo a farsi da parte. Sarà sempre un Eroe e avrà sempre un cuore grande. Simone è la vita, è quella piccola scintilla che fa infiammare ogni cuore… E noi siamo tutti quella piccola scintilla”.

Tante le persone vicine alla madre di Simone Frascogna

Infine Natascia ringrazia le migliaia di persone che le hanno mostrato solidarietà e le sono state vicine in questo difficile periodo: “Ci teniamo a ringraziarvi per l’affetto che ogni giorno dimostrate a noi ed al nostro amato Simone. Infine vi chiedo la cortesia di mantenere le distanze di sicurezza durante la fiaccolata che sarà fatta sul posto. Non ci sarà un corteo , sarà una preghiera fatta dal nostro parroco. Noi non chiediamo vendetta noi non siamo loro. Uniti tutti insieme in un solo grido Giustizia. Siamo tutti Simone, voi siete tutti SIMONE”.

La tragica vicenda di Simone Frascogna

Nella notte del 3 novembre scorso il giovane Simone Frascogna, insieme ad un amico, era alla guida della sua Ford Fiesta. Pare che il giovane non abbia dato la precedenza ad un’altra automobile con a bordo altri tre giovani ragazzi, Domenico Iossa di 18 anni e due minori insieme a lui. Dalla vettura il 18enne, o uno del suo gruppo, avrebbe cercato di mettere subito le cose in chiaro: “Tu non sai a chi appartengo“.

Il giovane 19enne colpito da 4 coltellate al torace

La lite sembrava finita lì ma, poco dopo, la Fiesta di Simone accosta lungo il corso Umberto I, la strada principale di Casalnuovo. L’altra vettura arriva subito dopo, interpreta quell’interruzione di marcia come un invito alla lite e si parcheggia davanti. I tre ragazzi scendono, subito dopo Simone Frascogna e l’amico, e parte la colluttazione. Ma il 19enne si sa difendere, fa palestra, è appassionato di arti marziali. Sebbene in inferiorità numerica riesce a tenere testa a quei tre. E così uno degli aggressori sta avendo la peggio e tira fuori il coltello: quattro fendenti, tutti al torace.
L’ambulanza è arrivata diversi minuti dopo. Simone è stato portato in ospedale, ma le sue condizioni erano troppo gravi: è deceduto poco dopo. L’amico, anche lui ferito, è stato invece medicato al Cardarelli e dimesso in giornata.

Il 18enne ha confessato l’omicidio 

In quella stessa notte Domenico Iossa si è consegnato ai Carabinieri confessando l’omicidio di Simone Frascogna. I carabinieri di Castello di Cisterna l’avevano già individuato e lo avevano cercato in casa sua, ma lui aveva fatto perdere le tracce. Ha 18 anni, compiuti da poco, fa il carrozziere. Assistito dall’avvocato Antonio Iorio, ha raccontato la sua versione di quella sera sfociata nel sangue.
Come comunica la stessa Natascia Lipari su Facebook, il processo, presso la Corte d’Assisi contro Iossa, si terrà il 10 giugno.

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.