Zlatan Ibrahimovic, presenza fissa al festival di Sanremo, entra in scena solo alle 23 passate.   Causa incidente in autostrada da Milano, Ibra scende dall’auto e si fa dare un passaggio da un motociclista per 60 km

“Dopo tre ore fermi in macchina, ho chiesto all’autista di farmi scendere. Ho fermato un motociclista e gli ho chiesto di portarmi a Sanremo – racconta lo stesso Ibra -. Meno male era un milanista”. Avventura alla Steven Seagal “per salvare mio festival non tuo”, dice rivolgendosi ad Amadeus, prima di ammonirlo sulla quarta regola: “dovevate venire tutti da me ieri perché se Ibrahimovic non va a festival, festival va a Ibrahimovic”.
“Orchestra in corridoio, artisti in sala, tu in cucina che prepari caffè. E Achille Lauro in garage che controlla le macchine, così ladri non entrano e non rubano perché hanno paura”

Dopo il racconto di Ibrahimovic sul palco dell’Ariston, a parlare è il motociclista che ieri sera ha dato un passaggio all’attaccante del Milan fino a Sanremo. L’uomo ha parlato in onda su Radio Monte Carlo all’interno di “Bonjour Bonjour”, «È successo che ieri c’era un traffico impressionante e allora io nel pomeriggio ho deciso di uscire in moto. Stavo tornando a casa a Borgio Verezzi e, fermo nel traffico, vedo questo van nero con due persone a bordo e vedo che uno sembrava Ibrahimovic. Ho pensato: ‘Ma questo è Ibra’».

Poi, L’autista abbassa il finestrino e dice: ‘Ibra chiede se lo porti a Sanremo’. Sì certo ti porto, non c’è problema. Avevo un casco sotto la sella, ho chiamato mia moglie e le ho detto: ‘Sto accompagnando Ibra a Sanremo’ e lei non mi ha creduto. Io sono anche milanista. Ibrahimovic voleva guidare lui, però io gli ho detto ‘No no Ibra, guido io’».

 

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

Pubblicità