Il Centrodestra chiude la campagna elettorale a Licola: “La Sinistra ha fallito, cacciamola a calci nel sedere”

Il candidato sindaco del Centrodestra Giuseppe Pietro Maisto con Luigi Guarino e Stefano Caldoro
Il candidato sindaco del Centrodestra Giuseppe Pietro Maisto con Luigi Guarino e Stefano Caldoro

Si è chiusa a Licola, allo Champs Elysees, la campagna elettorale del candidato sindaco del centrodestra Giuseppe Pietro Maisto. Tanti i volti noti che hanno partecipato all’evento, a partire da Luigi Guarino, candidato al consiglio regionale con la lista ‘Caldoro presidente’, fino a Stefano Caldoro, candidato presidente alla Regione Campania. Presente anche Anna Russo, capolista della lista civica ‘Cambiamenti’ e tanti altri candidati nelle varie liste della coalizione di centrodestra, sia nei partiti che nelle civiche.

L’attacco di Caldoro a De Luca

Non si è parlato soltanto della zona costiera in occasione della chiusura della campagna elettorale. Stefano Caldoro, infatti, si è soffermato su diversi temi che riguardano la città di Giugliano, tra cui l’argomento ecoballe. Tra l’altro, senza risparmiare un attacco nei confronti dell’attuale governatore della Campania Vincenzo De Luca e dell’ex premier Matteo Renzi. «Entrambi hanno perso la faccia. Nel 2018 avevano detto che entro due anni avrebbero risolto questo problema, ma così non è stato. Non hanno mantenuto la loro promessa. Ricordo quando hanno detto che se non fossero riusciti nei loro intenti, i cittadini avrebbero dovuto mandarli via a calci nel sedere. E così dovrebbero fare in questo momento».

Non potevano mancare i riferimenti alla situazione Covid in Campania, che preoccupa non poco negli ultimi giorni. «De Luca aveva detto in passato che non c’era bisogno di allarmarsi, ma adesso la nostra Regione è diventata zona arancione. Questo significa che c’è il pericolo che si crei anche una zona rossa. Ha rimandato la riapertura delle scuole, spiegando che a causa della pandemia si è creato un caos, ma lui stesso aveva dichiarato tempo fa di avere la situazione sotto controllo».

Il candidato sindaco Giuseppe Maisto: «La fascia costiera non deve essere considerata una periferia»

Il candidato sindaco del centrodestra Giuseppe Pietro Maisto, ha voluto ribadire l’importanza che merita la fascia costiera della città. «Qualcuno considera questa zona una periferia, ma non bisogna nemmeno pensarla una cosa del genere. Se Stefano Caldoro oggi è insieme a noi, è proprio perché anche la Regione crede che questa sia una risorsa importantissima”

Ben precisi i piani del candidato sindaco qualora dovesse diventare il primo cittadino di Giugliano: «Vorrei donare l’indennità di sindaco in beneficenza, ma soprattutto sfruttarla per tutti quei ragazzi in difficoltà che hanno problemi a finire il loro percorso di studi. Per noi, infatti, è importantissimo che ogni giovane possa completare il suo cammino didattico».

Luigi Guarino: «Possiamo fare bene»

Anche Luigi Guarino ha rilasciato alcune dichiarazioni sui futuri progetti per la città di Giugliano. «Abbiamo l’occasione di dimostrare le nostre capacità sia in Regione che nell’amministrazione comunale. Per quanto riguarda la presenza di Caldoro, questo vuol dire che la Regione crede nell’importanza di questa zona. Altri esponenti politici sono stati assenti in passato, testimoniando la scarsa considerazione nei confronti della fascia costiera».

L’intervento di Anna Russo

Anche Anna Russo, capolista della lista civica ‘CambiaMenti’, commenta così la fine della campagna elettorale. «A me dispiace quando Licola, Varcaturo e Lago Patria diventano una passerella. Perché poi, nei fatti concreti, si trova sempre una scusa. Adesso è il momento di mettere in pratica tutte quelle proposte che sono state avanzate in passato: la volontà per farlo c’è, così come anche la stessa squadra. Noi speriamo che le persona ci diano la loro fiducia». Infine l’invito agli indecisi: «In primis dico loro di votare. Cinque minuti del nostro tempo, possono cambiare le cose che potrebbero avvenire nei prossimi cinque anni. Che sia una competizione sana, leale e trasparente. Ci sa di episodi di compravendita di voti vada subito a denunciarli alle autorità competenti».