Insultarono una donna dei Giuliano:«Così è scoppiata la guerra tra i vicoli»

Sarebbe originato da un affronto l’agguato che due mesi fa per poco non costava la vita ad un 13enne a Forcella. Un raid camorristico in piena regola consumatosi in un centro scommesse di piazza Calenda a Forcella: un’azione armata che poteva trasformarsi in tragedia. Secondo le ultime indiscrezioni investigative l’obiettivo era Salvatore De Martino detto ‘Tore a caciott’, lui che, insieme ai suoi familiari, si sarebbe reso protagonista di insulti ai danni della madre di Raffaele Giuliano junior, il baby ras che, secondo gli investigatori, avrebbe più volte in passato manifestato il desiderio di riprendersi Forcella. E’ questo l’incipit della follia cieca che ha guidato ancora una volta i giovani ras capeggiati proprio da Giuliano Junior, trasferitosi qualche mese fa alla Sanità, e ora indicato come uno dei protagonisti della nuova stagione di sangue tra i vicoli del ‘ventre molle’ di Napoli.