Investito e ucciso dal treno nel Vesuviano, l’uomo voleva solo sfamare dei gattini

Si prendeva cura di una piccola colonia di felini e, probabilmente, è stato proprio quello il motivo per cui si è ritrovato ad attraversare i binari e venire travolto da un treno. F.E., 44 anni, ha perso la vita a Portici: qualcuno – scrive Il Fatto Vesuviano – l’avrebbe visto poco prima con le cuffiette del telefono nelle orecchie. Un vero e proprio dramma visto che l’uomo era conosciuto proprio per il suo impegno sociale e per l’amore verso i gattini.