18.5 C
Napoli
mercoledì, Maggio 29, 2024
PUBBLICITÀ

La famiglia incassa l’Assegno d’Inclusione nel Casertano ma la figlia era ai domiciliari

PUBBLICITÀ

La figlia è stata destinataria della misura cautelare degli arresti domiciliari ma anche lei, insieme alla mamma convivente, ha continuato a percepire, per i mesi di gennaio e febbraio di quest’anno, l’assegno di inclusione erogato dall’Inps, non comunicando la sopraggiunta condizione impeditiva. Questo è stato scoperto dai carabinieri della stazione di Roccamonfina, infatti, hanno accertato l’indebita percezione dell’emolumento per un importo pari a 2.200 euro.

La madre 63enne e la figlia 37enne, quest’ultima raggiunta il 7 marzo dello scorso anno da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari poiché ritenuta responsabile, unitamente ad altre 13 persone, di associazione dedita al traffico illecito di droga, di detenzione ai fini di spaccio e riciclaggio di soldi in concorso, sono state denunciate in stato di libertà. Dovranno rispondere della percezione indebita dell’assegno di inclusione.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Gambizzato a Napoli, Giuseppe Barretta scampò all’agguato in cui morì Vincenzo Priore

Mattinata di sangue a Napoli dove un uomo di 39 anni, Giuseppe Barretta, è stato ferito con colpi di...

Nella stessa categoria