“La vita di mio marito vale 8 anni?”, parla la moglie di Ulderico dopo la condanna dell’aggressore

Al termine del giudizio con il rito abbreviato il gup di Napoli Rosamaria De Lellis ha condannato a otto anni di reclusione Alfred Idimudia. Il 37enne dovrà scontare la pena di 8 anni di reclusione per l’omicidio preterintenzionale di Ulderico Esposito. Il 52enne tabaccaio, originario di Mugnano, è stato violentemente aggredito da Idimudia nella Metropolitana di Chiaiano ed è morto ad inizio luglio del 2019.

Il giudice non ha concesso le attenuanti generiche all’uomo, che è stato difeso dall’avvocato Rossella Esposito, confermando l’aggravante dei futili motivi. Nella requisitoria il pubblico ministero Gloria Sanseverino ha chiesto una pena di 10 anni .

La vedova Daniela Manzi ha dichiarato: “La vita di mio marito valeva 8 anni? Lo scorso anno è stato ucciso un uomo giusto, un marito e un papà esemplare. Però devo dire che voglio comunque continuare a credere nella giustizia e a battermi affinché mio marito non sia dimenticato. Andrò fino in fondo per ricercare la giustizia che meritava”.