Nadia Toffa guerriera anche oltre la morte, 30mila firme per intitolarle il reparto di Oncologia Pediatrica

Nadia Toffa a Le Iene

“Grazie a Nadia Toffa Taranto ha un reparto Oncoematologico pediatrico. Credo che sia giusto dare a questo reparto il suo nome, per ringraziarla l’impegno e la speranza che ha regalato ai genitori e bimbi di Taranto poco fortunati”. È quanto si legge in una petizione su Change.org indirizzata al presidente della Puglia Michele Emiliano e che ha superato le 40mila firme.

Nel testo della petizione si ricorda che l’inviata de Le Ienescomparsa a 40 anni per un tumore il 13 agosto, era cittadina onorararia della città pugliese: “Questo il riconoscimento che le era stato dato per le sue battaglie in difesa della salute dei tarantini,e dei bambini in particolare modo, salute costantemente minacciata dall’inquinamento del polo siderurgico”.

Maurizio Costanzo contro gli haters che hanno offeso Nadia Toffa attraverso i social in questi ultimi mesi. “Purtroppo il web ha consentito agli imbecilli di esprimere pubblicamente la loro opinione – ha scritto il conduttore nella sua rubrica sul settimanale Chi – Hanno creduto che sulla malattia bluffasse, che volesse lucrarci”. Non solo, Costanzo racconta di aver conosciuto bene la giornalista de Le Iene: “Posso affermare che era una donna che aveva una voglia di vivere, di farcela, pazzesca“. Per questo, Costanzo, ha voluto dire la sua a chi l’ha attaccata: “Le persone che hanno scritto quelle volgarità si devono solo vergognare”.

Tanta commozione anche da Maria De Filippi, che aveva conosciuto Nadia Toffa e che ha voluto ricordare scrivendole una lunga e straziante lettera d’addio. “Ti ho visto combattere, soffrire tanto, ma mai smettere di crederci e di sorridere – aveva spiegato la conduttrice Mediaset -. Con la tua forza, con il tuo sorriso, con il tuo rendere normale ogni cura invasiva che facevi come si trattasse di prendere una tachipirina, hai aiutato tante persone che stanno ancora lottando, ma certamente mi hai insegnato quanto spesso sono scema a pensare che faccio cose importanti. Tu sei qualcosa di importante per me e per tutti quelli che ti hanno conosciuto”.