Terremoto in casa Napoli, Ancelotti e squadra contro il presidente: i 5 calciatori che guidano la rivolta

I calciatori del Napoli nella tarda serata di ieri, dopo il match con il Salisburgo, hanno deciso di non proseguire il ritiro imposto dalla società. Gli azzurri hanno comunicato la loro decisione all’allenatore negli spogliatoi e al termine della partita sono andati a casa, mentre Carlo Ancelotti, a quanto si apprende, è andato a Castel Volturno dopo aver disertato le conferenze stampa. Stamattina è previsto un allenamento a Castel Volturno.

La tensione resta comunque altissima nel club nonostante il pareggio con il Salisburgo che avvicina il Napoli alla qualificazione agli ottavi di Champions League. Il ritiro era stato decretato dal presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis alla vigilia della trasferta di Roma.

 

Gazzetta dello Sport nomina i cinque senatori che avrebbero guidato l’ammutinamento: Insigne, Allan, Koulibaly, Callejon e Mertens. Sarebbero loro – secondo il quotidiano sportivo – a essersi opposti alla decisione del ritiro, e ad aver poi guidato la squadra nella precipitosa uscita dal San Paolo. “

Ma ciò che è accaduto potrebbe portare anche a scelte forti sul futuro. Il quotidiano, infatti, aggiunge: “Quello che è accaduto nelle ultime ore minerà sicuramente il rapporto tra il tecnico e il presidente, c’è il rischio concreto che Ancelotti possa compiere un clamoroso gesto. Ma si tratta di un’ipotesi che l’interessato valuterà a breve”.

 

Sky e Gazzetta: “Clamoroso in casa Napoli, Ancelotti e la squadra contro il presidente. Risvolti clamorosi nelle ultime ore”