Maxi-sequestro di giocattoli a Napoli in un’operazione che ha messo in luce una volta di più l’emergenza ftalati. Dalle analisi condotte è emerso, sottolinea in una nota l’Agenzia delle Dogane, che gli ottomila  presentassero concentrazioni elevatissime di ftalati, pari a oltre il 23%, migliaia di volte superiori ai limiti consentiti. Il maxi-sequestro è avvenuto nel porto di Napoli, in due distinte operazioni, dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane Napoli 1.

Il sospetto è che i giocattoli, di origine e provenienza cinese, fossero privi dei requisiti di sicurezza prescritti dalle normative, in particolare per concentrazioni di ftalati oltre i limiti consentiti. E così campioni rappresentativi dei giocattoli oggetto di importazione sono stati prelevati nel corso delle operazioni e inviati al laboratorio Chimico di Napoli per l’esecuzione di mirate analisi volte ad accertarne la sicurezza.  I rappresentanti delle società importatrici sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria.

Ftalati, cosa sono

Gli ftalati sono esteri dell’acido ftalico. Sono sostanze in genere poco solubili in acqua, molto solubili negli oli e poco volatili. In genere si presentano come liquidi incolori. A partire dal 2003 studi hanno notato una correlazione tra ftalati e disturbi nello sviluppo dei genitali maschili e femminili. Infatti all’interno nel nostro organismo queste sostanze si comportano come interferenti endocrini, ovvero possono avere gravi ripercussioni sul nostro sistema riproduttivo. Successivamente si è vista anche la pericolosità di queste sostanze presenti in profumi e cosmetici sull’aumentato rischio di diabete tipo 2.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.