La mamma di Noemi: “Non parla, siamo disperati”. Attesa per il nuovo bollettino

Restano ancora critiche le condizioni della piccola Noemi che a due settimane dalla sparatoria di piazza Nazionale, in cui rimase tragicamente ferita, resta ancora sotto osservazione in rianimazione. Tanti progressi sono stati fatti da allora, grazie all’equipe medica che ha lavorato senza sosta per salvare la piccola, ma il cammino verso la guarigione completa è ancora lungo. “Provo la più grande disperazione nel non vederla parlare, io e la mia famiglia ci stringeremo pertanto nel silenzio assoluto fino a quando Noemi non tornerà a respirare, non vogliamo essere maleducati ma, è un fioretto che abbiamo deciso di fare fino a quando questa speranza non diventi realtà”, ha fatto sapere la madre Tania attraverso l’avvocato Angelo Pisani.

La bambina fu colpita da un proiettile vagante che le ha perforato i polmoni, adesso è sotto osservazione all’ospedale Santobono dove ci sono stati significativi miglioramenti, ma dove la piccola versa ancora in condizioni critiche.