Fa multare un’auto che aveva parcheggiato al posto disabili, al suo ritorno trova le ruote squarciate

Afragola
Immagini Francesco Emilio Borrelli

Nella giornata di sabato 20 febbraio ad Afragola va di scena un episodio vergognoso di inciviltà e di mancanza di rispetto per una persona diversamente abile.

Anna, una donna paraplegica, in giro per delle commissioni, tenta di parcheggiare la propria auto nel posto riservato ai disabili. Questo però è occupato impropriamente da un’altra auto. Anna allora, dopo un’attesa di ben 40 minuti, chiede l’intervento dei vigili ma a quel punto salta fuori una donna che chiede di non multare l’auto perché nel giro di un paio di minuti sarebbe arrivato il marito a spostarla. Gli agenti non si fanno impietosire e multano la vettura ed è allora che il proprietario dell’auto minaccia Anna. Le minacce, però, non si fermano solo alle parole, perché al ritorno dalle proprie commissioni Anna trova entrambi i pneumatici posteriori squarciati.

Il racconto di Anna, la donna di Afragola che ha denunciato le prepotenze

“Tutto mi sarei aspettato tranne che una vendetta del genere. È come si mi avessero portato via le gambe una seconda volta. A chi mi ha fatto questo vorrei fargli provare l’esperienza di vivere su una sedia a rotelle per fargli capire cosa si prova ad essere ogni giorno in queste condizioni”racconta Anna.

Afragola, il commento di Francesco Emilio Borrelli

La vicenda era già stata denunciata pubblicamente dal Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli che insieme a Fiorella Zabatta, dell’esecutivo nazionale di Verdi, si è recato, nella giornata del 22 febbraio, ad Afragola per portare il proprio sostegno alla signora Anna.

“Chi ha squarciato le ruote di Anna è un essere indegno. Ci auguriamo che delle telecamere abbiano potuto riprendere la scena in modo che questo individuo possa essere identificato e punito in maniera esemplare perché ha messo in seria difficoltà e in imbarazzo una donna disabile che aveva urgenti necessità fisiologiche. Abbiamo dato vita ad una raccolta fondi per permettere ad Anna di ricomprare le ruote. Non perché abbia bisogno di soldi ma perché è necessario lanciare un messaggio di solidarietà contro questi cavernicoli” – spiega Luigi Concilio dell’Osservatorio della Disabilità La Battaglia di Andrea, commentando quanto successo ad Afragola.

“Una volta chi non aveva avuto rispetto per le persone diversamente abili dopo se ne vergognava e si scusava. Invece oggi pretendono anche di aver ragione e diventano arroganti e prepotenti visto che Anna è stata anche insultata e minacciata. Nel 2021 non dovrebbe esserci bisogno di affrontare certi argomenti. Invece bisogna ancora sensibilizzare le persone sulle tematiche dei diritti delle persone disabili, la raccolta fondi per Anna serve proprio a questo. La Polizia Municipale sta passando al vaglio tutte le immagini delle videocamere di controllo della zona. Ci auguriamo vivamente che al più presto il colpevole, che dovrebbe nascondere la testa sotto la sabbia, venga individuato e punito”. Le parole di Borrelli e Zabatta su quanto successo ad Afragola.