Prostitute con il Pos in strada a Caserta, i ‘clienti’ pagano con il bancomat

Dopo il giro di prostituzione scoperto nei giorni scorsi in provincia di Venezia, anche in provincia di Caserta le prostitute accettano il pagamento con carta. Le autorità hanno infatti individuato un giro di meretrici che accettano il pagamento con il Pos. Oggetto a quanto pare indispensabile per tutti i professionisti e le professioniste: anche quelle del sesso.

Le ragazze, una trentina circa, erano operanti tra Viale Carlo III a Caserta e la zona industriale a Marcianise. A riportare la notizia è riportata da ‘Cronaca Caserta’. Nonostante agissero in strada, le giovani utilizzavano comunque il Pos, permettendo così il pagamento con moneta elettronica.

Oltre al tradizionale apparecchio collegato al conto corrente bancario, esiste infatti un tipo di dispositivo -completamente legale- che consente di effettuare pagamenti con qualsiasi carta grazie all’ausilio del proprio smartphone.