Il Tribunale del Riesame di Napoli ha confermato la misura di custodia cautelare in carcere per i fratelli Giuseppe e Gabriele Esposito, i due imprenditori napoletani che devono rispondere di aver riciclato soldi della camorra in locali alla moda in città, anche molto frequentati dai calciatori edai vip del capoluogo. In particolare i giudici hanno ritenuto sussistenti le ricostruzioni fornite sia dai collaboratori di giustizia, sia dalle visure che hanno prodotto una serie di artifizi per cercare di nascondere la reale capacità economica dei due. Secondo la Dda dietro di loro si nasconderebbero interessi dei gruppi camorristici dei Sarno e dei Contini.
La scorsa settimana l’altro fratello arrestato, Francesco, era stato scarcerato dai giudici della Libertà, mentre due giorni fa le due moglie degli indagati in carcere e un prestanome erano rimasti agli arresti domiciliari. Tra le persone sentite come testimoni nel corso delle indaginic’è anche il calciatore Pepe Reina, che aveva unlegame di amicizia con i fratelli imprenditori.L’ex calciatore del Napoli, ora in forza alMilan, hadichiarato aipm di averavuto unrapporto diamicizia coni tre e di nonsapere chefosserocoinvolti ininchieste di camorra. Di aver pagato per leserate nelle quali organizzava feste.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.