Sant’Antimo, non si placa la protesta dei dipendenti Cite: camion fuori al Comune

 Non si placa la protesta dei dipendenti della Cite, l’attuale ditta chiamata alla raccolta dei rifiuti. Poco fa gli operai sono nuovamente giunti dinanzi al Comune, questa volta trasportando i vari camion utilizzati normalmente per il servizio bloccando nei fatti la circolazione stradale su via Roma . I lavoratori della società reclamano il pagamento di alcune spettanze arretrate e da giorni hanno intrapreso una serie di azioni per mostrare tutta la loro preoccupazione. Soltanto ieri mattina alcuni operatori ecologici avevano raggiunto il tetto della Casa Comunale chiedendo immediate risposte all’amministrazione cittadina del sindaco Russo e alla Cite, alla quale sono stati pignorati attualmente 3 milioni di euro. Dal canto suo il primo cittadino ha annunciato la risoluzione del contratto con l’azienda a decorrere dal prossimo 3 marzo. Ma la soluzione sugli emolumenti deve ancora essere trovata. I dipendenti Cite rimangono sul piede di guerra e chiedono un verbale scritto, con attestazione degli organi della Prefettura di Napoli, nel quale vengano specificate le modalità di pagamento. «Vogliamo la garanzia di avere quanto ci spetta, basta promesse» affermano i lavoratori che fra qualche minuto dovrebbero incontrare il sindaco Russo ed altri esponenti della giunta nel cantiere Cite.

Ha collaborato Ciro Silvestri