Piazza di spaccio in eredità a Napoli

Di padre in figlio, con il placet del clan gestivano una fiorente piazza di spaccio nella zona “Vasto Arenaccia”, a Napoli, perpetuando il “lavoro” dei genitori: è quanto hanno scoperto gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato del capoluogo partenopeo i quali, durante una perquisizione domiciliare, hanno trovato la cocaina nascosta addirittura nel tubo in metallo di uno stendibiancheria. In arresto sono finiti due fratelli, Antonio Rubino, sua sorella, Carmela Rubino, rispettivamente di 30 e 31 anni, e la moglie di lui, di 29 anni.

I primi due sono finiti in carcere, rispettivamente a Poggioreale e a Pozzuoli. Per la 29enne, invece, disposti i domiciliari in quanto madre di un minorenne che, peraltro, era in casa quando i poliziotti hanno perquisito l’abitazione.

 Dagli accertamenti è emerso che i genitori di Antonio e Carmela sono finiti più volte in manette, in passato, per spaccio nella stessa zona di sostanze stupefacenti. Sequestrata dalla Polizia cocaina, hashish e 385 euro in contanti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.