Stazione metro di Napoli intotolata a Maradona, oggi il sopralluogo

maradona metro

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha effettuato oggi un sopralluogo alla Stazione Mostra della Linea 6 della Metropolitana. Stazione che nelle intenzioni dell’Amministrazione comunale sarà denominata ‘Mostra-Maradona’. Il sopralluogo è servito a verificare lo stato dei lavori della stazione. Assieme alla linea e alla mostra sul campione argentino si punta ad aprire nel maggio del prossimo anno. Il primo cittadino era con l’amministratore unico di Anm, Nicola Pascale. Presente anche la responsabile tecnica del procedimento Serena Riccio e con i tecnici di Metropolitana.

«Una stazione della metro intitolata a Maradona», la proposta a de Magistris.

Una proposta che sicuramente renderà felici tutti i napoletani quella di Augusto Cracco, amministratore unico di Ctp che ha chiesto al sindaco de Magistris di dedicare una stazione d’arte calcistica a Diego Armando Maradona. “Nell’ambito dell’intitolazione dello stadio di Fuorigrotta a Maradona ho proposto al sindaco de Magistris di ridenominare anche la stazione Mostra della linea 6 chiamandola Stadio Maradona ma anche eventualmente Stadio Maradona-Mostradichiara Craccoed allestire, inoltre, una stazione dell’arte calcistica interamente, con video, foto ed iconografia varia, così da creare un piccolo museo da attraversare recandosi allo stadio”. A riportare la notizia è Il Mattino.

Non solo metro, già è lo stadio ‘Diego Armando Maradona’: i tifosi anticipano la burocrazia

Mai la macchina delle burocrazia in Italia, ma specialmente a Napoli, era stata così veloce per un’operazione. Già entro le prossime due settimane il San Paolo potrebbe chiamarsi ufficialmente “Stadio Diego Maradona”. Aggirato anche il vincolo dei 10 anni dalla scomparsa per intitolare quello che stato il palco scenico del più grande calciatore della storia. Ma di fatto lo stadio per i tifosi già si chiama così. Ieri affissa all’esterno del cancello della Curva B una targa con la scritta ‘Stadio Diego Armando Maradona’.