Toto-giunta a Marano, il sindaco Visconti ha scelto 4 assessori

Il nodo degli assessori Pd frena ancora il varo della giunta di Rodolfo Visconti. In seno al Partito Democratico, da cui proviene il primo cittadino neoeletto, non è ancora concluso il dibattito su chi dovrà far parte dell’esecutivo cittadino in quota democrat. Il nome caldo per sbloccare l’empasse e consentire entro pochi giorni la composizione della squadra in parte già delineata e che sarà composta in questa prima fase di 6 elementi, resta quello dell’attuale segretario di circolo Ettore Amore. Già qualche tempo fa InterNapoli aveva anticipato la possibilità che Amore facesse parte dell’esecutivo cittadino perché considerata una figura capace di dimostrare lealtà e vicinanza al sindaco.

Non è un mistero infatti che Amore accompagnasse, insieme a Paolo D’Alterio, anch’egli oramai certo di divenire assessore con delega al personale, Rodolfo Visconti in ogni uscita pubblica. Capitò anche in occasione dell’intervista alla nostra redazione, quando Amore partecipò attivamente al confronto.

In ogni caso, non è ancora chiaro quale delega Amore potrebbe avere. Sembra aver perso quota dunque Vincenzo Esposito, zio del compianto tifoso del Napoli Ciro, che non ha mai fatto mancare una visione critica rispetto allo stato di salute del Pd maranese e nazionale. Sono ore decisive, con la giunta che potrebbe essere annunciata entro l’arco di questa settimana.

Oltre al già citato D’Alterio, altro fedelissimo di Visconti al quale dovrebbe andare la delega al personale, faranno parte della giunta salvo sorprese l’ex sindaco di Giugliano Francesco Taglialatela all’Urbanistica in quota “Il Cambiamento è Agorà’’ e Floriana Trematerra. Resta in sospeso l’eventuale ingresso di Michele Cantone, fratello del magistrato Raffaele.

Con Ettore Amore in squadra, Visconti si riserverà di nominare gli altri due assessori. Tramontata invece l’ipotesi di vedere l’ex sindaco Mauro Bertini in giunta. L’esponente de L’Altra Marano, al quale Visconti si era rivolto, ha deciso di declinare l’invito preferendo rimanere all’opposizione.

Intanto, resta ancora ignota la data della proclamazione dei 24 eletti in consiglio comunale. L’ipotesi è che la cerimonia possa avvenire il 26 novembre ma si attendono conferme. Per ciò che concerne la presidenza del consiglio comunale, a contendersi il ruolo sono due storici esponenti del Partito Democratico: Domenico Paragliola e Pasquale Coppola.